Maggio ciondola

04EC53DB-8631-496C-BEF9-8511E43FF519_1_201_a

Bouquet di maggio_Vivaio Cascina Bollate_Carcere di Bollate_Italia

Oggi primo maggio qui tra le elevate al cielo una bellissima luce di sole e nubi kalinke illumina le magnifiche e progressive. Mi piacciono i piccoli riti instaurati e quotidiani, misurarsi la temperatura che bello, 60 secondi di ansia moderata e poi 36.4, Gnam anche per oggi mangio la mia fetta di sformato o pastaSiutta e non le carote lesse con lo stracchino dell’ospedale. Sempre stato pronto a riconoscere gli sforzi dei cuochi. Unico al battaglione Torre di Remanzacco-Udine a trovare più che decente il pasto, cento persone pentoloni con la gru, una cucina di Vulcano, a scodellare tre primi, tre secondi e dessert per tremila uomini, sempre pronti a lamentarsi e magari a casa loro mortadella in busta e pan poss. È sempre si sa più bella/della mamma la mortadella.

Oggi primo maggio qui tra le elevate al cielo una bellissima luce di sole e nubi kalinke illumina le magnifiche e progressive. Mi piace essere osservato, di sfuggita si sa, da una, Natura natura natura, esclama senza proseguire perché come non saprebbe, nel Reigen-girotondolo l’attrice a letto col poeta in una gargotta di campagna. Segue trombatio. Mi piace sentire passeracei e altri volatili chiacchierare fuori dal velux, ho una visione dal basso in alto del creato e formato 50 per 120. Mi coniugo a una prima persona, predicativa, meno retorica di altre, appartengo a un mondo che non c’è più, che non c’è, la condizione di Alice si addice, e che, è verosimile, non ci sarà e così sono abbastanza contento. Verità non ne ho e sto bene così, zaino leggero, non fa male alle lombari ricordarsi; viene in mente Nerone che svolò con una frasetta, nemmeno banale, qualis artifex pereo, che artigiano se ne va, la traduzione è interpretazione. Come del tutto. Il primo maggio è come un natale senza regali di cui che fare bah. Potrei fondare il partito comuniscta fantasioso, iscritto zero, non contagioso. Ah ah, ci penserò. Va pensiero Toscanini. 

https://www.youtube.com/watch?v=2OPvWFDzDlA 

04EC53DB-8631-496C-BEF9-8511E43FF519_1_201_a

About dascola

Pasquale Edgardo Giuseppe D'Ascola, già insegnante al Conservatorio di Milàno della materia teatrale che in sé pare segnali l’impermanente, alla sorda anagrafe lombarda ei fu piccino privato come di stringhe e cravatta dell’apostrofo (e non di rado lo chiamano accento); col tempo di questa privazione egli ha fatto radice e desinenza della propria forzata quanto desiderata eteronimìa; avere troppe origini per adattarsi a una sola è un dato, un vezzo e forse un male, si assomiglia a chi alla fine, più che a Racine a un Déraciné, sradicato; l’aggettivo è dolente ma non abbastanza da impedire il ritrovarsi a Bell’agio proprio tra monti sorgenti dall’acque ed elevate al cielo cime ineguali, là dove non nacque Venere ma Ei fu Manzoni. Macari a motivo di ciò o, per dirla alla Cioran, con la tentazione di esistere, egli scrive; per dirla alla lombarda l’è chel lì.
This entry was posted in Al-Taqwīm and tagged , , , , , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

2 Responses to Maggio ciondola

  1. carla@carlaregina.com says:

    Carissimo, sempre bello leggerti e sapere che stai bene. Qui situazione incerta, ma il lavoro non si ferma, va avanti. Ho stoppato il tour di questo spettacolo, e mi hanno chiesto di registrare una versione intima, solitaria, nella sala vuota dell’Istituto di cultura italiano ad Amsterdam. Questo il risultato intimo, meno grandioso dell’originale, ma per me prezioso.

    Te lo giro, ribadendoti, nel caso non te l’avessi mai detto, e nel caso tu non si infastidissi schermendoti come al solito, che ho imparato tantissimo da te. Sono felice che tu sia mio maestro e amico.

    Un abbraccio corona free

    Carla

    WANT TO KNOW MORE ABOUT ME?

    My website:

    Read my blog:Follow me on YouTube:Follow me on Facebook:www.facebook.com/CarlaReginaOfficial/?ref=ts Follow me on Twitter:@voice_actually

    Like

    • dascola says:

      Cara Regginé, è molto bello, non mi schermisco vai, abbasso la guardia, è molto bello ricevere dopo tanti anni notizie “come fosse ieri” ; dichiarazioni nella dichiarazione. Apprezzo, e molto, è sale nella minestra. Mi hai commosso, ostia. Ah questi pugliesi, queste pugliesi. Forse dovrei dire ogni tanto che ad alcuni allievi, come te, mi sono affezionato. Mai detto, ma vero. E ricordo molto bene il talento. Peccui, non so che cosa m’hai mandato ma lo guarderò senza meno. Poi ti dirò. Ma lì com’è,siete confinati o cosa? I tuoi? Qui, al Nord specie, la cosa l’è dura. Si sopporta bene, non ci sono i bombardamenti. Però ci fa pena non vedere i figli che del resto non vogliono, nemmeno adesso che un po’ si potrà forse, metterci a rischio. Vabbè basta così. Abbracci commovuti.

      Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s