Ferri da stiro

masa-moebius

Silence, We Are Dreaming, 1991-Moebius (1938-2012)

Mi pare che farsi le cose da sé sia il più grande incentivo al sogno che si possa sfruttare. Quanta poesia nasca dall’asse da stiro non so dire; per me di sicuro il lavoro domestico è fonte di ispirazioni e non solo, di aspirazioni a macchinari sempre più ingegnosi e tali da sostituirmi nell’età che non tarda affatto né si attarda anzi galoppa, e già adesso si industria ad impedirmi nel quotidiano. Non so quando l’artrosi, la semplice artrosi, mi inchioderà le dita tanto da non poter battere la tastiera, intanto mi stiro ancora i pantaloni da me. E questa, parlando col Totò de  I due marescialli , è una grossa soddisfazione. Del resto il principe De Curtis convisse per tutta la vita col suo servo, Totò appunto. Per metterla sul metafisico – cipperimerlo – ricordo di aver letto in epoca preistoriche un intervista con il grande Chomsky, dove non so né la ritroverò, che non credo per burla né per affettata semplicità affermava, per l’intervistatore, che il lavoro della sua vita di cui andava più fiero era la canalina di scolo per la neve nel suo giardinetto. Non gli do torto, tutta la filosofia mi pare il frutto di scarsa applicazione al giardinaggio e al  ferro da stiro. A sapere di chi si tratta questo l’ha scritto p.e.g.d. Pare.

About dascola

Pasquale Edgardo Giuseppe D'Ascola, già insegnante al Conservatorio di Milàno della materia teatrale che in sé pare segnali l’impermanente, alla sorda anagrafe lombarda ei fu piccino privato come di stringhe e cravatta dell’apostrofo (e non di rado lo chiamano accento); col tempo di questa privazione egli ha fatto radice e desinenza della propria forzata quanto desiderata eteronimìa; avere troppe origini per adattarsi a una sola è un dato, un vezzo e forse un male, si assomiglia a chi alla fine, più che a Racine a un Déraciné, sradicato; l’aggettivo è dolente ma non abbastanza da impedire il ritrovarsi a Bell’agio proprio tra monti sorgenti dall’acque ed elevate al cielo cime ineguali, là dove non nacque Venere ma Ei fu Manzoni. Macari a motivo di ciò o, per dirla alla Cioran, con la tentazione di esistere, egli scrive; per dirla alla lombarda l’è chel lì.
This entry was posted in Al-Taqwīm and tagged , , , , , , . Bookmark the permalink.

2 Responses to Ferri da stiro

  1. Paolo Prato says:

    Oh cccome ti capisco, oh cccome ticapisco. Oh cccome!

    Like

    • dascola says:

      Caro mio, pochi ma bbuoni. Signori si nasce e noi modestamente lo naccuimo.( o naccuemmo a seconda, la Crusca ammette.)

      Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s