Bibliografia

Assedio ed esilio 

Premio Letterario Internazionale indipendente_Primo premio 2016

 https://www.orizzonteatlantico.it/it-2016-pasquale-dascola
Editore: Aracne, Roma – Data di Pubblicazione: 2019 – ISBN: 882552031X –  Pagine: 160 –  Formato: brossura € 10
SinossiCosì il professor Alberto Asero, filosofo e musicoterapeuta, assegnando il Premio Letterario Internazionale Indipen­dente 2016, presenta Assedio ed Esilio: «Due momenti della biografia di un In­ nominato antifascista che, assediato da un metodico disincanto assurto a princi­pio supremo di giudizio, vivrà la sua vita come una morte in contumacia. 
Incipit: Questo racconto è un’urna per ceneri mentali; e non sappiamo se questa frase sia un’inusuale dichiarazione o un interrogativo indeciso quanto enigmatico. Ceneri mentali è un’immagine che illustra il resto della vita di un uomo; la parte cioè che quasi di chiunque e di qualunque cosa, e non di rado avanti che il chiunque o la cosa siano stati estinti o scordàti, prima si presenta da fantasma, poi da leggenda, simile se non uguale alla persistente assenza di un profumo; dopo la rovina, dopo l’estinzione con il fuoco del fuoco con cui quel resto si è reso visibile, la cenere di chiunque e di qualunque fatto, è parola, canto, mito. 
Illustrazione di copertina di Desideria Guicciardini

 

L’ElzeMìro. Brevi  d’argomento incerto

Ogni martedì dal 2 maggio 2017

in  Gli amanti dei libri http://www.gliamantideilibri.it/.

II venticinque racconti della signorina Conti

Editore Ipoc – Data di Pubblicazione: aprile 2014 – EAN: 9788867720934 – ISBN: 8867720937 -Pagine: 162 – Formato: brossura
Sinossi. La crudeltà che nel tempo si stempera in rudimentale cattiveria’ sta al cuore di questo narrare. La crudeltà che abita nelle relazioni umane e nello stesso venire al mondo e rimanerci” scrive il filosofo Alberto Giovanni Biuso nella nota introduttiva, citando un passo del racconto, motivo e avvio di questa raccolta che si può immaginare pensata e proseguita nel tempo dalla signorina Conti, appunto. Non si tratta di racconti felici e distensivi, ma di pensierini malevoli verso l’esistere che di malevolenza certo non è solo fatto, ma si ingegna, pare, per esserlo al massimo delle proprie risorse, che sono inesauribili. Si tratta dunque di mettersi in guardia, e questo è un modesto contributo. La letteratura tocca la mente ma non consola, rende più intelligenti la lettura, ma non è un sortilegio.
Incipit. Perduta la sinistra e con la destra trafitta da un’asta di ferro rugginosa, che dissimula la stampella di una struttura inadatta al cielo e fragile in terra, e che appare lancia, infissa nel fianco di un demone vinto ai suoi piedi, un angelo di pietra corrosa dalle piogge acide, posa su un piedistallo di calcestruzzo in mezzo al cortile di un casamento più antico che vecchio e che, un tempo, avrebbe potuto essere o è stato magione patrizia, o di ricchi borghesi ma, non tanto da riuscire a sottrarla alle intese delle banche tra loro. Gli angeli un tempo avevano la loro predilezione per le dimore patrizie;”

Auto Sacramental_Irriverente ficcion dialectica 

Dramma in due atti e sei numeri

Editore:  Ipoc_Milano – Data di Pubblicazione: novembre 2012 – ISBN: 8867720058  – Pagine: 122 – Formato:  brossura € 16. ebook € 9.90 
Sinossi: In un’epoca imprecisa più che imprecisata e in un tempo immaginario di pochi giorni si svolge questo dramma in due atti e 6 numeri. Mentre carestia, siccità e una guerra di occupazione dell’Africa suonano il basso continuo di una Europa rincretinita dietro al mito delle proprie e altrui religioni, dieci personaggi sequestrano un cargo portoghese, il Colunas do Céu con il miraggio di trasformarlo nella radicale epitome di una pacifica guerra di corsa anticapitalista e libertaria. Il cargo finisce senza gloria e con un rossiniano colpo di cannone; nessuno si salva tranne una gatta e il narratore neutrale personaggi esterni e meta-teatrali, uniti dal compito di condurre il dramma al suo termine naturale, la parola fine. 
Incipit: Intorno a voi signore e signori l’Atlantico centrale. Non si sforza, non molto, di sembrare oceanico agli occhi dei 10 passeggeri in transito sulla sua superficie i quali, con la fortunata allegria dei principianti, si sono impadroniti del Colunas do Céu, pilastri del cielo, mercantile lusitano che adesso, con calma di vento e bandiera pirata, naviga su 12 knots, sotto un cielo nuvoloso e tanto basso da minacciare tra poco una nebbia di dicembre, che sembrerà non finire mai, come un tic, o passare come un sintomo che compare, preoccupa, scompare, conforta e out of the blue, poco dopo ritorna e, forse no o forse sì, è un cancro. Dunqueesoftalmica Europa, dalla vista corta buongiorno e buonasera Avrupa, 

Bambino Arturo et son vofabulaire hors de l’ordinaire 

Con un Prologo e una Postilla  ovvero Ciò che accadde dopo

Editore: Società Editrice Dante Alighieri – Data di Pubblicazione: settembre 2012 – EAN: 9788853440457 – Formato: PDF 3.99
Sinossi. Bambino arturo et son vofabulaire hors de l’ordinaire è il titolo di una serie di avventure/situazioni con al centro un bambino che ama i vocabolari e che ai giocattoli preferisce le parole (e quindi gioca con loro). Una sequenza di fiabe per adulti (o per bambini accompagnati) attraversata da un indelebile, disarmato erotismo. Un esemplare ingresso al mondo in cui l’elemento veramente “fiabesco” è l’elaborazione multilinguistica, la gioiosa sperimentazione psicoverbale, l’alludere divertito alla grande tradizione letteraria, soprattutto a quella più vicina ai nostri giorni (Beckett, Gadda, Borges, Calvino tra gli altri). La peripezia di bambino arturo si svolge in dieci capitoli: 1. Mir bin mercante di pulci – 2. Il fracassatore di specchi – 3. Fenomenologìa dell’òrco – 4. Gambe lunghe nude – 5. La sconsacrazione della casa – 6. I fiori del cavolo nero – 7. The wooden soul – 8. Fenomenologìa degli orchi redux – 9. Mamma arturo va à la campagne – 10. Ariadne’s labyrinth, the entrance to ~ Li precede un Prologo e li segue una Postilla (Ciò che accadde dopo). Ogni capitolo è accompagnato dalle illustrazioni di Desideria Guicciardini.
Incipit. Qui comincia il vofabulaire di bambino arturo, un confabulario straordinario che lascia all’intelletto del lettore il compito d’indovinare quali siano le due parole che insieme hanno prodotto questa definizione e che giustificano l’incertezza di bambino arturo tra due vocabolari, chissà forse più di due come si potrà scoprire; entre les deux mon coeur balance je ne sais pas lesquels aimer gli canta spesso, gli canta spesso, vedremo tra poco chi canta; di sicuro e non di necessità si tratta di un vocabolario, perdón vofabulario, che comincia con a, aba, acá e, non sempre, non d’obbligo diciamo, con una lettera soltanto. 
 Illustrazioni di Desideria Guicciardini

foto000414

Luft und Duft

Editore:IPOC Italian Path of Culture – Data uscita:11/05/2012 – EAN9788896732687 -Formato:EPUB:€ 9,99

Prima rappresentazione a Milano, Sala Verdi del Conservatorio G. Verdi. Regia di Cristina Rosa. Musiche originali di Leonardo Damiani

 

 

Personaggi e interpreti

Didascâline                                                     Elisa Dal Corso                                     

Duft                                                                 Ksénia Deméntyeva – Ксения Дементьева 

Luft                                                                 Gianluca Cavagna                                         

Le Parche porche/Le Sorelle Lebelle              Maria Giuditta Guglielmi   Ryunosúke Komàtsu – 隆乃介   小松

Primo Echialtri                                                Anastasía Martiuscenko                     

Secondo Echialtri                                           Li Yu Rong  ( vedere nome cinese Allegato)        

Godot                                                             Eleonora Colaci

Il Messaggero                                                 Jósselin Santos       

                                                                                                         Chœur des gamins pauvres du cirque

Sinossi. In un circo ipotetico si prova un musical sulla vecchiaia messo in piedi da due attori pre-pensionati e un paio di giovani attrici internazionali disoccupate. Godot arriva e si rende utile, uccide l’angelo del mercato ma resta ucciso nella lotta, scopre che non one seems to be waiting for me (him), more. He for ever dies.  Chœur de gamins pauvres à l’ancienne finale. 

Incipit                                                                                       Prolisso per aria – Cartello d’apertura

                                                                                                                   Didascâline 

Al buio in sala la si sente chiacchierare sottovoce, pontificando con con qualcuno come qualunque spettatore ritardatario, facendosi i fatti suoi anzi sarebbe bene ritardare l’arrivo di alcun spettatori a bella posta. Potrebbe dire tutto questo o parte di questo, pedante, a qualcuno:

Veda, c’è un’ambiguità irrisolta in ogni luogo teatrale… Che cos’è il suo dentro e cosa il suo fuori, la sinistra e la destra dove svoltano e ritornano e soprattutto dov’è l’interiorità da cui si fiuta il fuori e viceversa…. Lo spazio è un inferno di equivoci e anche il tempo che avanza o retrocede senza rapporto né con il sole né con la legalità, non sempre con la memoria… Alla fine uno potrebbe concludere di essere da nessuna parte, in nessun luogo, in nessun tempo e allora è alla sensibilità degli attori, l’onere o il disonore di aggiungersi o levarsi, quando volessero, da ciò che non li riguarda… Gli attori ci tengono peraltro a essere qualcuno o perlomeno ad avere un’identità ma dalla prospettiva in cui appare, la loro faccia scompare al suo apparire, e gli attori, interpreti di sé stessi, non è detto che interpretino la loro parte migliore. 

 

Il viaggio di Cecchelin e Cyrano

Editore Società Editrice Dante Alighieri – Data di Pubblicazione: marzo 2012 – EAN: 9788853438874 – Formato: EPUB € 3.99
 Sinossi. Un libro di Pasquale D’Ascola è un gioco. Attenzione però, non è un gioco semplice: “difficoltà all’inizio, come se l’autore stesso impedisse di entrare nella storia con troppi preamboli, reticenze, giustificazioni”, “scrittura elaborata ma mai fine a se stessa” ci avverte Guindani, intellettuale, saggista e teatrante svizzero. Ci si confonde tra i più piani narrativi, ci si perde nelle parole, si cerca ma non è certo si trovi subito il senso di quanto si legge. Gabriele Frasca scrive nella prefazione di Malone muore di S. Beckett: “…un libro non finisce, siete magari voi a finirlo, ma non lo finite mai una volta per tutte, e non appena lo richiudete, siatene certi, non può che tornare in attesa di finire ancora”. Anche il testo di D’Ascola, autore del nostro tempo, come i testi di Beckett non è semplice ma è finalmente un testo degno di attenzione. Le pagine di viaggio da Trieste a Marrakech dell’insegnante di storia Cecchelin e dell’amico e cognato, il grande chirurgo Karliç sono un susseguirsi di immagini che ci urteranno, incanteranno, confonderanno tra sogno e realtà. Rimarremo sospesi a cercare la fine e il senso di questo diario, tra dramma e leggerezza .
Incipit .1. Dove si racconta di un viaggio e delle sue premesse. Non di più. Forse meno.
Tra i tanti artifici della letteratura, che è un artefatto, c’è quello della prefazione dell’autore vero; o che si deve o si può immaginare vero. Non entro nel merito, è solo per metter in guardia il lettore di guardia, che chiamerò Charlie come i Vietcong.
Charlie caro, se leggendo ti dirai che sono troppe e troppo lampanti le analogie tra questo e un noto romanzo d’ispirazione analitica e nato nella stessa zona Doc, diciamo così, Trieste e dintorni, beh sì hai ragione.” Elisabetta Salvi

foto000065Il pieno è il vuoto?

Imparare con il teatro. Manuale per pedagogisti

Ipocpress SAGGI -Milano 2007

A che cosa serve e come non è fatto questo libro
Dovrebbe servire a capire in che modo, se, e a che scopo, sia utile praticare il teatro nella scuola; ma senza creare ambizioni professionali.
È il tentativo di rendere utilizzabile, attraverso una lettura da tradurre in pratica, il mio modo di insegnare,  un lavoro da giardiniere, e di dirigere, non comandare, gli attori. Dirigere, in latino significa segnare o dare un indirizzo che, in spagnolo, si dice appunto dirección.

A chi si rivolge questo libro
Agli insegnanti, ma non solo. Educatori, medici di comunità terapeutiche, o di recupero, magari senza talento per il palcoscenico, o privi della presunzione di averne; persone incerte, o del tutto ignoranti di teatro, non interessate a “entrare in arte”, come si diceva un tempo, ma che, anche in modo molto vago, rozzo e inconsapevole, percepiscono o hanno intuito che le prassi e l’intero processo della creazione teatrale sono una pedagogia.

Al Finalcop_voce13_pic

in Pervocesola 13_Ed. Nerosubianco_Cuneo

Segnalato al Premio Pervocesola 2013_Teatro della Tosse_Fondazione Luzzati_Genova

Marocco. Marrakesh. Piazza Jemaa el Fnaa, oggi. L’Octave, l’inesistente ottavo tra i sette sopravissuti conteurs marocchini, sta raccontando una delle sue epiche cantate. Quella di Al Final, immaginario vascello pirata del XV sec. che si suppone armato da un equipaggio misto di arabi ed ebrei. All’indomani dell’ultimo fortunato attacco a un ricco galeone spagnolo sembra però che sull’isola defilata dalle rotte, dove i pirati si nascondono e vivono d’amore e d’accordo, per gli intrighi di una dama spagnola ospite forzata, le cose vadano poco a poco di bene in male in peggio fino all’ecatombe finale. Però…

copj170

L’ironia di Kafka 

in Quel giorno in un attimo – 2011 Giulio Perrone editore-Roma

http://www.ibs.it/code/9788860042064/quel-giorno-in-un.html

Andrea Nowak, figlio di polacchi immigrati, nato nell’opima campagna toscana, linguista, poliglotta e cultore dell’italiano, per essere poeta lavora da Carabiniere in una tenenza dell’empolese; la realtà del giorno suona due volte al portone, potrebbe essere l’inopportuno postino ma, no.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s