Grazie dei fior

Tutti mi dicono bionda ma io bionda non sono**…

Qualcuno, nel pattuglione di insperati lettori, si domanderà come mai, dopo un meditato silenzio impegnato per un’opera ‘ssai voluminosa per la quale trovare un editore è l’impresa delle imprese, pubblico adesso simil-dotte conferenze in vece di  racconti. Il fatto è questo; le dotte sono un omaggio ai padri greci, un tanghino argentato che mi costa soltanto  il divertimento di produrlo, il gusto di gettarmi nel witz a blitz, il piacere del paradosso rivelatore, il brivido dell’escursione in solitaria che tanto mi allontana dal, tanto  mi rende antipatico al resto del mondo; si sa; il bipede che trova for ever and ever lustro lo specchio delle sue brame di plauso, approvazione e reame, il bipede perennis euro 7, il suddito alla Mann, il  kulturphilister* dire-fare-cosare ché al pensare ha sostituito l’informazione che pensa per i più e li dispensa così dalla tavoletta, IL tablet -LA tablet e LA automobile- come dalla più comoda tavoletta della comoda, assicella del cesso da dove il pre-digerito si muta in pre-defecato, il piccolo borghese che dà premi alla stessa strega ha da essere simpatico, culinario e bella persona; tutti mi chiamano bionda, detta il marketing dell’anima postulato di recente da un noto editore di su’cessi. Tutto quello che c’è, sì. Il racconto invece, il racconto in quanto stile di racconto, di ritmo, di termini e confini, nonostante la mia ben nota agilità pennaiuola, è un lavoro per me, il mio autentico lavoro; in senso fisico uno spostamento di tempo, peso e misura. Dunque mi tratterrò d’ora in avanti dal distribuire gratis, benché a pochi disinteressati, ciò che almeno nella fantasia potrei rilasciare al cambio del suo valore. In attesa di questa eventualità, delle prossime apparizioni, suggerisco di riguardare l’ELLEnco delle mie operette già comparse e di divisarne l’acquisto, il regalo di buon augurio agli amici più cari per un anno, nuovo di rivincita della letteratura sul giornalismo e sulla fuffa truffa. Regalarsi basta, mi ha ingiunto il mio editore, Specie a chi non si accorge delle tue ormai ripetute epifanie di befàno, tante che nemmeno la migliore tra le madonne basterebbe ora ad osservarle. Agli operai  la giusta mercedes. Dunque chi può, chi vuole, faccia contento l’editore senza pensare a me che tutti mi dicono difficile ma io difficile non sono; anzi,  per cortesia natalizia offro ora questa canzonetta da meditazione sulla quale tanto fantasticavo da bambino, malato, sempre malato, ascoltandola alla radio da Nilla Pizzi e struggendomi prima di darmi conto che d’ogni alba il destino è diventar tramonto/Alessandrino.

Patrizia Laquidara covers ( si trascurino  gli strilli di vedova orgasmica finali)

https://www.youtube.com/watch?v=ZmvyMagBCk4

*filisteo culturale, la definizione è bensì di F. Nietzsche
**per gli amanti dello splatter https://www.youtube.com/results?search_query=tutti+mi+dicono+bionda
Advertisements

About dascola

D'Ascola Pasquale fa l’insegnante in una autorevole istituzione dello Stato ed è un qui pro quo che, privato da un’anagrafe lombarda dell’apostrofo meridionale, di questa privazione ha fatto il suggello della propria forzata quanto desiderata eteronimìa; l’intuizione di questa possibilità si è andata configurando a seguito della scoperta di avere troppe origini per adattarsi a una sola che però, riassunta con termine francese, gli assomiglia, déraciné, sradicato, dolente aggettivo ma non tanto da impedirgli di ritrovarsi infine a suo bell’agio tra "monti sorgenti dall’acque ed elevate al cielo cime ineguali", là, tra i confini che meglio definiscono le possibilità di un carattere al limite; a motivo di ciò o, per dirla alla Cioran, con la tentazione di esistere, egli scrive; ciò è.
This entry was posted in Voce dal sen fuggita and tagged , , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s