Benché

Benché abbia qualche tremore fronte a Pound, per la sua storia e perché, come si sa, del suo nome si adornano, come di una giberna, quelli dell’omonima casa; quelli lì; egualmente riconosco una certa affinità con queste righine

Meditatio

When I carefully consider the curious habits of dogs
I am compelled to conclude
That man is the superior animal.

When I consider the curious habits of man
I confess, my friend, I am puzzled.

Ezra Pound

About dascola

P.E.G. D’Ascola ha insegnato per 35 anni recitazione al Conservatorio di Milano. Ha scritto e adattato moltissimi lavori per la scena e per la radio e opere con musica allestite al Conservatorio di Milano: "Le rovine di Violetta", "Idillio d’amore tra pastori", riscrittura di "Beggar’s opera"di John Gay, "Auto sacramental" e "Il Circo delle fanciulle". Sue due raccolte di racconti, "Bambino Arturo e il suo vofabulario immaginario"" e "I 25 racconti della signorina Conti", i romanzi "Cecchelin e Cyrano" e "Assedio ed Esilio", tradotto questo anche in spagnolo da "Orizzonte atlantico". Nella rivista "Gli amanti dei libri" occupa da molti anni lo spazio quindicinale di racconti essenziali, "L’ElzeMìro".
This entry was posted in Al-Taqwīm. Bookmark the permalink.

2 Responses to Benché

  1. Massimo Bertola says:

    Caro Pasquale,

    Pound ha anche scritto qualche veloce, inorganico pensiero sulla musica. Credo che di fronte a simili persone (stavo mis-scrivendo personae, che forse sarebbe stato pi indicato) si possa ogni tanto sospendere il giudizio perfino in tempi come i nostri, nei quali il giudizio sembra avere bisogno di stare sveglio 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

    Un buon fine settimana,

    Massimo

    Like

    • dascola says:

      Eh sì o si fa come con Céline, che era un genio anche se ha mitragliato di parole gli ebrei; chi non ha letto Voyage au bout de la nuit ha perso qualcosa nella sua vita; che dire di Weininger allora, ebreo antisemita nella vulgata; al contrario c’è Israele che censura, la rete d’accordo, ma anche ogni opinione come quella di Saramago e Chomsky sulla politica di Israele, politica che si ammanta di filatteri e usa il manganello, e qualcosa di più forte, il militarismo del fascismo genetico che nutre gli stati; che dire poi del bando a Wagner che per lo meno, dovrebbe essere assolto per non aver commesso il fatto. Sai che Nietzsche chiamava tutto ciò e con amabilità francese, filisteismo. A noi vigili non resta che, forse piangere, ma no battersi.

      La battuta di Allen però, ogni volta che ascolto Wagner ho il desiderio di invadere la Polonia, è divina.

      Grazie per il commento, stai bene.

      Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s