Eco déco

Sentirsi lodare così bene e da così tanti tra pezzenti e gazzettieri di tanto poca o solo semi ottica, insospettirebbe anche l’articulo mortis. E insospettisce il vivo in permesso, sentire bavardare di epopea che se ne va, di amici miei, di romanzeria excelsa come una pasticceria milanese. Ognuno ha un motivo per farsi fotografare accanto al morto così da dire almeno, io Cero.

About dascola

P.E.G.D'Ascola, alla sorda anagrafe lombarda privato dell’apostrofo, è eteronimo o pseudonimo di sé medesimo; tende all'anonimo: avere troppe origini per adattarsi a una sola è un dato, un vezzo e forse un male, si assomiglia alla fine più che a Racine a un Déraciné, sradicato. Ma come Cioran, "con la tentazione di esistere", egli scrive.
This entry was posted in Al-Taqwīm and tagged , , , . Bookmark the permalink.

3 Responses to Eco déco

  1. Se fossi credente accenderei un cero, appunto, perché qui se c’è un morto grave è l’umanita’ inutile. E io cero/c’ero. … purtroppo.

    Like

  2. Biuso says:

    Eh sì, caro Pasquale. Uno degli effetti più grotteschi della Rete è il lutto universale che incoraggia “qualunque idiota” -per dirla appunto alla Eco- a unirsi all’universale dolore per il defunto. Che si tratti di David Bowie, di Steve Jobs, di Lucio Dalla, di Umberto Eco e di altri, è tutto un irrefrenabile condogliare.

    Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s