Referendum trivelle, Renzi e Napolitano denunciati a Lecce

Chi volesse compiacersene, il sugo è qui di seguito servito. Ho poco da aggiungere. Fosse la denuncia il segno di una rivolta, fosse la rivolta pronta a dilagare, fosse questo tracimare il segno di una rivoluzione, sarei felice. Ma non credo. Come Musolino, il Napolitaner nocerà anche da morto e gli italiani non di rado nòcciono a se medesimi. I quarantenni noceranno fino ai novanta. La predizione di Montanelli in illo tempore è realtà palese. Una legge elettorale finale come la nota soluzione, dovrebbe affrontare questa emergenza generazionale e  prevedere che in Italia si adisse la carriera politica solo dopo gli ottanta. Ottantacinque stanti i progressi della medicina. Allora, tutti i giorni un sonderkommando di ergastolani, dovrebbe aggirarsi su e giù per i gironi parlamentari a separare i morti reali, dai vivi metaforici, provvedere alle bave dei  sopravviventi e, nel caso, far somministrare la grazia ad acabadòre sarde volanti su pattini d’argento.

http://www.ilfattoquotidiano.it/2016/04/18/referendum-trivelle-renzi-e-napolitano-denunciati-a-lecce-hanno-esortato-a-non-votare-abusando-della-loro-posizione/2649070/

Advertisements

About dascola

Pasquale Edgardo Giuseppe D'Ascola, già insegnante al Conservatorio di Milàno della materia teatrale che in sé pare segnali l’impermanente, alla sorda anagrafe lombarda ei fu piccino privato come di stringhe e cravatta dell’apostrofo (e non di rado lo chiamano accento); col tempo di questa privazione egli ha fatto radice e desinenza della propria forzata quanto desiderata eteronimìa; avere troppe origini per adattarsi a una sola è un dato, un vezzo e forse un male, si assomiglia a chi alla fine, più che a Racine a un Déraciné, sradicato; l’aggettivo è dolente ma non abbastanza da impedire il ritrovarsi a Bell’agio proprio tra monti sorgenti dall’acque ed elevate al cielo cime ineguali, là dove non nacque Venere ma Ei fu Manzoni. Macari a motivo di ciò o, per dirla alla Cioran, con la tentazione di esistere, egli scrive; per dirla alla lombarda l’è chel lì.
This entry was posted in Voce dal sen fuggita and tagged , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

4 Responses to Referendum trivelle, Renzi e Napolitano denunciati a Lecce

  1. dascola says:

    Mah Diego,
    sono portato a pensare che qualche linea di furore sia passata per le interiora del denunciante, anzi dei denuncianti. Mi parebbe altrimenti da comitato centrale un’azione coordinata e solo per porre all’attenzione della p.o. un malvagio sentimento del potere. Retro o avancarica, di alto qui c’è solo il gambale dello stivale. Quanto alla p.o. non so che cosa sia e non lo voglio sapere quando qualche scemenza viene spacciata per opinione. Riguardo all’importanza dell’uno e dell’altro reverendum non sono per niente d’accordo. Mi paiono a pari merito; tanto che 15 milioni di persone hanno votato, purtroppo non il sacco ma i cessi della repubica. Questo, l’ultimo, fallito per colpa, in primis avrebbe costituito un discreto ukase popolare allo strapotere dei mici personali della volpe Benzi(na) e poi avrebbe smantellato almeno un po’ l’edificio retorico mediterroneo con cui da una parte si fa a pezzi il diritto del lavoro e dall’altro si finge di tutelarne un altro, parziale, quando esso non è diritto ma privilegio legato alle bave alla bocca della Total che, tanto per dire, è l’unica beneficiaria del diritto alla trivella. In Italia di brent non resta un ampolla. In Olanda stano studiando di proibire la vendita di auto a combustibile fossile. Ma noi abbiamo la Phiat e Il Vaticano. Due chiese per ogni stagione. Ipodixit.
    Un carissimo saluto e grazie. P.

  2. diegod56 says:

    penso che la denuncia non abbia come vero scopo il perseguimento del reato, ma quello di porre all’attenzione dell’opinione pubblica l’accaduto; chi ricopre un’alta carica dello stato non dovrebbe mai esortare al non voto, al di là delle opinioni personali

    comunque il referendum costituzionale d’autunno, privo del quorum, è molto ma molto più importante

  3. dascola says:

    Ma sai, cara Barbasca, immagina invece il viso del carabiniere che ha accolto la denuncia, chissà senza battere ciglio. Un esercizio britannico. Grazie. P.

  4. barbasca says:

    e la denuncia sarà utile, ahimè, quanto trivellare un pozzo esausto…

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s