1923-25.02.2016

Dante è morto. Dante non aveva bisogno di cognome. Era familiare a se stesso. I suoi fagiolini, le zucchine e i pomodori, la vite lo riconoscevano per le gambe torte, lo sguardo lungo da Odisseo. Dante non navigò mai per mare. Era una nave da terra. A un funerale noto, abbracciando chi sceglieva, Dante disse, È così; gli occhi aveva smaglianti e fu tutto. Dante tracciava segni, li lasciava perdere poi, du weißt wohin*. Dante era un ulivo greco, dei tempi in cui gli dèi abitavano orti e prati. Abbastanza greco da dover morire, senza storie, nel sonnacchiare nascosto dei campi a febbraio. È così.

*Cfr. Gottfried Benn (1886-1956). Statische Gedichte-Poesia Statica

Dalla mia finestra/- il saggio dice-/ecco la valle/dove si raccolgono ombre/due cipressi  segnalano una via /per dove-sai

Statische Gedichte
Entwicklungsfremdheit
ist die Tiefe des Weisen,
Kinder und Kindeskinder
beunruhigen ihn nicht,
dringen nicht in ihn ein.
Richtungen vertreten,
Handeln,
Zu- und Abreisen
ist das Zeichen einer Welt,
die nicht klar sieht.
Vor meinem Fenster
– sagt der Weise-
liegt ein Tal,
darin sammeln sich die Schatten,
zwei Pappeln säumen einen Weg,
du weißt – wohin.
Perspektivismus
ist ein anderes Wort für seine Statik:
Linien anlegen,
sie weiterführen,
nach Rankengesetz –
Ranken sprühen -,
auch Schwärme, Krähen,
auswerfen in Winterrot von Frühhimmeln,
dann sinken lassen –
du weißt – für wen.
 Staticità,/profondità del saggio,/figli e figli dei figli /non lo toccano,/non lo distraggono/Scopi da perseguire,/trattare,/partire e tornare/sono i sintomi/del mondo che/in chiaro non sa/Dalla mia finestra/-dice il saggio-/ecco la valle dove si raccolgono ombre,/due cipressi segnalano una via/per dove-sai/Prospettivismo/ecco un’altro termine/per la sua statica:/tirare linee/allungarle/ordinarle in tralci-/tralciare-/e stormi e corvi gettare/nel rosso prematuro di un invernale cielo/lasciare poi tutto affondare-/tu sai- per chi
Advertisements

About dascola

Pasquale Edgardo Giuseppe D'Ascola, già insegnante al Conservatorio di Milàno della materia teatrale che in sé pare segnali l’impermanente, alla sorda anagrafe lombarda ei fu piccino privato come di stringhe e cravatta dell’apostrofo (e non di rado lo chiamano accento); col tempo di questa privazione egli ha fatto radice e desinenza della propria forzata quanto desiderata eteronimìa; avere troppe origini per adattarsi a una sola è un dato, un vezzo e forse un male, si assomiglia a chi alla fine, più che a Racine a un Déraciné, sradicato; l’aggettivo è dolente ma non abbastanza da impedire il ritrovarsi a Bell’agio proprio tra monti sorgenti dall’acque ed elevate al cielo cime ineguali, là dove non nacque Venere ma Ei fu Manzoni. Macari a motivo di ciò o, per dirla alla Cioran, con la tentazione di esistere, egli scrive; per dirla alla lombarda l’è chel lì.
This entry was posted in Al-Taqwīm and tagged , , , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s