Assedio ed Esilio

Romanzo né lungo né breve, ma rigorosamente inedì14c710_8f17c624826243d6abf692aa5b1fb5d6bile, il mio A&E ha vinto il Premio Letterario Internazionale Indipendente 2016. Per leggerne di più si osservi, un minuto di silenzio, e volendo il link  http://www.plii.it/pasqualedascola2016

Posted in Piccoli eventi | Tagged , , | 6 Comments

Tide

L’umana, come è noto a chi queste cose si è notato da tempo, è la specie più devastante del pianeta e, quando soccomberà a se stessa, la più inquinante; dunque mi auguro che, per ritardare almeno un po’ l’evento, adesso che le sue intenzioni penso dovrebbero far paura anche alla grande marea fascista internazionale, almeno il suo rappresentante più inquinante tra gli inquinanti vada a farsi un bagno di folla a Dallas e che, a dispetto del fatto che i più delinquenti sono i più adatti all’ambiente che devastano, gli sia fatale l’incontro e ci resti. Ci resti proprio. Si spera nei volenterosi.

Posted in Osservazioni | Tagged , , , , | 4 Comments

Lati, tanti

Da qualunque dei lati lo si voglia osservare il cristallo della situazione in Abruzzo rimanda immagini inquietanti. Imagini da otto settembre, data che credo pochi ricorderanno, dal momento che il forte di questa nostra epoca maledetta è rifiutare la storia. Sono consapevole del fatto che prendere la parola su temi che non conosco che per sentito dire è antipatico e inutile, ma i pochi lettori  perdoneranno l’indignazione di queste altrettanto poche righe. E qui possono anche smettere di leggere. Dunque pare

  1. che l’allarme lanciato dopo la valanga di qualche giorno fa al centralino delle emergenze abbia suscitato un, Non ci credo, delinquenziale. Non ci credo che ha provocato un ritardo ingente sembra, nell’attivare la catena virtuosa dei soccorsi. Ora è verosimile che ai centralini di emergenza non sia affidato il compito di credere/non credere, discutere o fottersene di un’emergenza ma di metterla in moto. Intendo dire che d’ora in avanti v’è da dubitare che al richiedere un ambulanza con medico per un infarto ci si senta rispondere, Ma dai, infarto come fai addirlo (ormai tutti ti danno del tu), aspetta un po’ e vedi come va tra un’oretta. Soggetto da magistratura, ma ci si può scommettere che i centralinisti di quella sera non patiranno nemmeno un rimprovero e campa cavallo.
  2. da quello che ho potuto vedere e capire, s’è visto un battaglione di soldati coraggiosi spingersi all’attacco della situazione in assenza di generali. È vero che i generali devono star da qualche parte a dirigere le operazioni ma altrettanto vero è che nemmeno un cristo di pezzo da novanta della classe digerente, un cianfalòne, un matterugiolo, un ostia-che-lo-brusi di commissario straordinario abbia sentito lo sperone alle tergiversanti terga d’asino per andare sul posto a vedere che succede. Però pare che preghino molto. È ecologico… nelle loro tiepide case.
  3. che in questo quadro oso dire tragico, tra mucche e pastori assiderati e miserie da  assedio di Münster, la classe digerente tutta di un paese eternamente al collasso è medusata dai discorsi vani di Trump e dalle peripezie di Putin, di cui frankly I do not give a damn.

Detto questo voglio  ricordare la sera di diecimila anni fa in cui alla Scala di Milano dove mi pregiai di lavorare alcun tempo, crollò in capo ai macchinisti un pannello di legno alto e pesantiello anzi che no. Niente di che, a cose fatte, una gamba fratturata e qualche escoriazione. Ma l’allora sovrintendente generale Paolo Grassi che per una sera stava a casa a guardarsi la tilivisiona, avvisato, in un vidìri e svidìri arrivò in teatro a rendersi conto dell’incidente.

Ricordo anche appunto, che l’otto settembre del 1943 il mai troppo deprecato reginello d’Italia, alla rovina del paese che aveva rovinato, prese su armi, bagagli, monete da collezione e aiutante di camporella, conte Aloìsio Lardello e via che scappa a Brindisi a fare i bagni; era ancora stagione.

Sono questi due esempi preclari di come il paese sia oggi come ieri governato e non governato nello stesso tempo. E che sappia sopperire alla povertà miserrima della sua ruling class da solo. Forse è il momento di capire che un governo quale che sia non ci serve.

Non so che altro dire.

Posted in Osservazioni | Tagged , , | 6 Comments

Tüti i asan i mena la cua e tüti i coioni i dis la sua – di Leonardo Taschera

Per inaugurare l’anno nuovo e con immenso godimento propongo qui senza miei commenti questa inattuale, unzeitgemässe Betrachtung* – dell’amico Leonardo Taschera

Tutti gli asini agitano la coda e tutti i coglioni dicono la loro                                              ovvero della falsa coscienza democratica

Il titolo è in dialetto mantovano ed è un detto che ho imparato da mia nonna -classe 1869-di origine contadina, nata a Gli Angeli, frazione del Comune di Mantova. Amo credere che il detto sia espressione di un’antica saggezza popolare, temo ormai perduta, e che oggi, come altrettanto temo, verrebbe liquidato come una delle tante manifestazioni-reazionarie- del cosiddetto populismo. D’altronde il dialetto mantovano abbonda nell’uso della denominazione degli attributi maschili, talvolta, probabilmente, anche nelle classi colte, alla Belli o Porta, per intenderci, come dimostra quest’altro detto: Ag secarìa i coioni a Netüno che i ha ga semper in d’l’aqua* – detto di persona che, per dirla alla Camilleri, rompe i cabasisi. Ma, per tornare al titolo, quello che mi diverte è che oggi il politicamente corretto, i cui effetti sono smisuratamente ampliati dall’uso del web, vuole esattamente il contrario del detto mantovano. Oggi il concetto di partecipazione – ricordate l’importante è partecipare di sessantottina memoria che aveva anche ispirato una canzone di Gaber?-non si concretizza nel dibattito, nel confronto diretto, nello scontro, vòlti ad ottenere un risultato, ma si esaurisce in una sorta di scarica verbale lanciata, come il classico messaggio in bottiglia, nel mare della falsa comunicazione, specchio appunto della falsa coscienza democratica. L’agorà è stata sostituita da un incontrollato fare voci, sempre per dirla alla Camilleri, a senso unico che crea l’illusione della partecipazione alle decisioni, e che anzi viene incoraggiato da chi poi le decisioni le prende davvero. E qui bisognerebbe aprire una discussione sulla scomparsa dei corpi intermedi, o comunque sulla scomparsa dei loro effetti nel tessuto socio-politico, ma lascio, appunto per non menare la cua, ad altri l’onere e l’onore di disquisire sul problema. Leonardo Taschera

*cfr. Friedrich Nietzsche –Considerazioni inattuali- 1876 – Franco Angeli 2008

**Asciugherebbe i coglioni a Nettuno che li ha sempre a mollo.

Posted in Unzeitgemässe Betrachtungen | Tagged , , , , , , , , , | 4 Comments

Sillies & sullies

Ho visto di recente un filmetto che molti troveranno o avranno già trovato minore ma non io. Si tratta di Sully di Clint Eastwood con Tom Hanks. La storia sua è breve, recente e vera, si tratta del racconto di un atterraggio di fortuna sul fiume Hudson e del successivo salvataggio di tutti i passeggeri e dell’equipaggio da parte della guardia costiera. Dell’incidente di macchina, due dei due motori dell’aeromobile Airbus bruciati da uno stormo di uccelli a pochi minuti dal decollo, del rimedio, valutate le alternative, messo in atto con frenetica intuizione dai piloti, un atterraggio rischiosissimo sul fiume fortunosamente sgombro di traffico. E infine dell’inchiesta che segue, di prammatica, un evento che avrebbe potuto rivelarsi fatale. La narrazione purgata da Eastwood di ogni tentazione retorica rende conto soprattutto di questa fase della vicenda, l’inquisizione, che vede di fatto accusati i due piloti, comandante in primis, di malfunzionamento, uso questo termine a proposito, cioè di  avere trascurato le indicazioni del controllo traffico, le procedure, i protocolli, i manuali e soprattutto di contraddire i test matematici e funzionali attuati, a bocce ferme, dalla compagnia per avvalorare la tesi dell’incompetenza umana fronte, fronte a che cosa,  fronte a calcoli e simulazioni.  Poi tutto finisce bene e con tante scuse e qualche commozione della commissione che, obtorto collo, ammette la propria inconsistenza e parla di un vincente fattore x, teoria che Sully il pilota contraddice alla fine, concludendo che il fattore x erano tanti quanti le persone implicate nell’incidente e nel salvataggio. Il film è diretto e montato senza un tremolio parkinsoniano da un maestro del cinema e bla bla, ma non ci tengo a fare né faccio il critico.

A mio avviso invece, ed ecco spiegato il perché allego il lungo documento in calce, a mio avviso l’opera mette in chiaro una tendenza del potere,  oggi  sempre di più essenza che presenza, quella a fare del reale un feticcio statistico, complice una matematica usata come arma letale invece che come strumento di eventuale verifica. In sintesi il discorso del capitalista odierno è che non è vero ciò che accade ma ciò che le previsioni mutate in conclusioni dettano, per il resto, per citare l’architetto Fuffas del Crozza, abbiamo  la tecnologia. Come dire, oggi c’è il sole anche se piove, ma è la pioggia che sbaglia, le equazioni sono corrette a prescindere. Come dire, mia nonna fuma, le ciminiere fumano, dunque mia nonna è una ciminiera. In sintesi grossolana, di cui l’esempio qui sopra, derivato dal tempo della mia seconda  liceo classico, penso che sia il cancro del sillogismo a priori quello che governa e che si vuole metodo di governo dell’umano, stritolandolo in funzione del capitale, nel film l’azienda Airbus e la compagnia di assicurazione, del marketing, di un sistema che si adora nello specchio del mercato, immagine non nuova quest’ultima ma sempre attuale specie in riferimento a gagarelle smorfiose come la signorina Fiat di cui qui di seguito. Nel documento una gustosa vignetta che semplifica in due fumetti quanto si dice.

ARGOMENTI / ISTRUZIONE

Le scuole non sono un mercato. Una risposta a Gavosto

Giorgio Tassinari replica al commento di Andrea Gavosto, direttore della Fondazione Giovanni Agnelli, sulle classifiche di scuole sviluppate dalla fondazione. Tassinari conferma tutte le sue critiche, e sottolinea che aver trascurato l’”effetto classe” mina alla radice tutto l’esercizio. Ma al di là dei problemi tecnici, Tassinari contesta l’obiettivo non dichiarato alla base dell’analisi di Eduscopio: rendere (artificiosamente) il settore dell’istruzione pubblica un quasi mercato. “Questo obiettivo, per realizzarsi, necessita che nell’opinione pubblica il settore dell’istruzione sia percepito come un settore di mercato, ed a questo servono gli esercizi retorici come Eduscopio, che si qualifica pertanto come operazione sottilmente ed efficacemente propagandistica. Ciò che è maggiormente criticabile, assai criticabile a mio parere, è proprio il compiere un’azione politica pretendendo invece che sia un’operazione neutra, senza implicazioni valoriali, e che quindi tale azione si giustifichi oggettivamente. Tutto ciò si chiama feticismo, ovviamente nel senso di Marx.”

commodity-fetishism-marx

Il commento al mio breve post su Eduscopio da parte del dott. Andrea Gavosto (direttore della Fondazione Agnelli FGA)  è tanto denso quanto breve. Tenterò di rispondere cercando di attenermi al “principio di giustificazione”.

In premessa, occorre ricordare che gli esercizi di valutazione della qualità delle istituzioni scolastiche sono ampiamente diffusi, e possono vantare anche una tradizione abbastanza antica.  Sotto questo profilo Eduscopiorappresenta comunque una novità assoluta per l’Italia, in quanto si fonda sulla misurazione del successo universitario dei diplomati per “risalire” alla qualità della scuola. Sulla validità generale degli esercizi rimandiamo, per una disamina approfondita, a quanto scritto da Harris (2011).

Quanto al contenuto specifico di Eduscopio, confermo le mie critiche sul piano metodologico (le “bordate”, nel linguaggio del dott. Gavosto). Ovvero:

  1. i fattori di correzione adottati dalla FGA si basano su modelli di regressione cross-section che hanno valori di R2 corretto abbastanza bassi. In altri termini, i fattori individuati dalla FGA come condizionanti l’esito universitario dei diplomati (i fattori cioè legati alla difficoltà dei corsi di laurea), sono sì statisticamente significativi, ma “spiegano” una percentuale modesta della varianza della variabile dipendente;
  2. quanto alla variabile dipendente (la media aritmetica semplice dei crediti ottenuti e del punteggio medio degli esami) confermo puntualmente quanto già scritto. Un coefficiente di correlazione lineare di 0,55 è alto, ma, ancora, circa la metà della variabilità specifica di ciascun indicatore “sfugge” alla relazione lineare tra i due;
  3. tra le variabili inserite come fattore di correzione, non compare la scala (dimensione quantitativa dell’istituzione scolastica). E’ rilevante? Who knows? Tuttavia non mi pare fuori luogo sostenere che per quanto attiene alle istituzioni scolastiche (come per la gran parte delle unità di produzione di servizi, pubblici e privati) esistano una “dimensione ottima minima” e una “dimensione ottima massima”. E’ una pista di indagine che sarebbe interessante percorrere (questo era un suggerimento, più che un rilievo critico).
  4. infine, confermo le mie critiche sulla mancanza di presa in carico dell’”effetto classe” (vedi su questo punto, tra gli altri Gori e Vittadini (1999)). Ed anche senza chiamare in causa la metodologia statistica e la letteratura specializzata, l’esperienza quotidiana di ognuno di noi testimonia della rilevanza dell’analisi a livello di classe. Per essere espliciti, questo è, a mio vedere, il punto di caduta dell’approccio proposto dal dott.Gavosto e dai suoi collaboratori, il suo peccato capitale. Ma non è solo un errore che attiene alla metodologia statistica. E’ molto di più, è un errore che mina in radice tutto l’esercizio, in quanto proprio la mancata presa in carico dell’effetto “classe” corrisponde ad una completa mancanza di attenzione al processo scolastico nelle sue detehumans-greedyrminazioni concrete e fattuali, che proprio nelle classi si esplicano, nel loro farsi quotidiano in cui l’interazione studenti-professori-studenti determina quelle trasformazioni interiori che sono l’outcome del processo educativo. L’apprendimento scolastico è innanzitutto un processo collettivo. E’ sbagliato pensare agli studenti e alle loro famiglie come a degli individui isolati, che agiscono in uno spazio idealizzato senza interazioni reciproche. Si tratta di un’impostazione al tempo stesso sia idealistica che ideologica, nel senso deteriore con cui Marx usa questi termini. Adottare al contrario un’ontologia realistica (Fortunati, 1958, Della Volpe 1969) richiede che nelle rappresentazioni dei fenomeni che si cerca di costruire siano compresi gli snodi fondamentali in cui si articolano i processi sociali.

Non mi dilungo su altri aspetti tecnici che derivano da scelte, a mio vedere assai poco condivisibili, effettuate dalla Fondazione Agnelli nell’impostazione metodologica dello studio, in quanto queste rientrano nella sfera della necessaria arbitrarietà che attiene ad ogni tentativo di ricerca in campo sociale. Vorrei soffermarmi invece su due termini, due parole (nel senso di De Saussure) usate dal dott. Gavosto, che mi hanno molto colpito. Sono le parole falsità e verità (truth scrive Gavosto). Sotto il profilo epistemologico sono parole assai impegnative, da maneggiare con cautela. Sono concetti capitali, concetti rischiosi. Un pelo di prudenza in più o meglio, come diceva spesso Lenin, plus de souplesse.

Sotto il profilo strettamente politico la FGA utilizza il sapere tecnico come strumento di potere. Questa non è una critica, è semplicemente, a mio giudizio un elemento non eliminabile in ogni discorso che deve ancorarsi , per avere un senso, ad elementi pre-analitici . Come per altri strumenti di valutazione nel campo dell’istruzione messi a punto dalla Fondazione Agnelli, l’obiettivo ultimo, (non dichiarato e quindi ctonio), a mio parere, è quello di rendere (artificiosamente) il settore dell’istruzione pubblica un quasi mercato (nel senso di Le Grand come si diceva). Quanto ciò sia auspicabile ognuno è in grado di giudicarlo da sé. E si badi che questo obiettivo, per realizzarsi, necessita che nell’opinione pubblica il settore dell’istruzione sia percepito come un settore di mercato, ed a questo servono gli esercizi retorici come Eduscopio, che si qualifica pertanto come operazione sottilmente ed efficacemente propagandistica. Ciò che è maggiormente criticabile, assai criticabile a mio parere, è proprio il compiere un’azione politica pretendendo invece che sia un’operazione neutra, senza implicazioni valoriali, e che quindi tale azione si giustifichi oggettivamente. Senza mettere in chiaro a quale teoria dei valori si aderisce (perché se si parla di valutazione, almeno qualche frammento di teoria dei valori mi sembrerebbe necessaria) si compie un’operazione di inversione tra fini e mezzi, si confonde la parte con il tutto. Tutto ciò si chiama feticismo, ovviamente nel senso di Marx (Il carattere di feticcio della merce e il suo arcano, capitolo VI del primo Libro de Il Capitale) non in quello di von Kraft-Ebbing (Psicopathia Sexualis).

In conclusione, penso sarebbe interessante, sicuramente per me almeno, discutere pubblicamente con Gavosto su questi temi. Una bella disputa in stile medievale. Ovviamente in campo neutro. Visto che Gavosto ha scelto per sé la parte dell’offeso, gli rimetto volentieri la scelta del tempo, del luogo e dell’arma.

Per saperne di più

http://www.roars.it/online/il-commento-del-direttore-della-fondazione-agnelli-al-post-sul-feticismo-delle-classifiche/

Posted in Piccoli eventi | Tagged , , , , , , | 3 Comments

Bordesando e cabotando

L’amico Taschera, musico e navigatore ma non santo, uomo dalla vista lunga, di genio sin dal nome o, non saprei dire, forse a dispetto del nome stesso, Leonardo, mi autorizza a pubblicare questa notarella che mi ha inviato a conclusione di un breve scambio di vedute ma non del ramo del lago di Como che volge a mezzogiorno, bensì sulla vessante contingenza paesana. Con qualche differenza di opinione che non riporto per lasciargli libero lo spazio di ospite, di quanto mi ha scritto trovo acuta la percezione  e acuto il sarcasmo con cui conclude. Forse qualcuno avrà  piacere di leggerlo. Cordialità D’Ascola

Sono d’accordo con Di Maio quando dice che non si capisce l’urgenza di cambiare una legge elettorale che andava bene a Renzi e al PD prima del referendum e adesso non più, visto che il referendum è stato perso. Così come è sospetto che la sentenza della Consulta venga resa nota solo il 24 gennaio quando Mattarella, col suo potere di moral suasion, poteva benissimo far accelerare i tempi della sua pubblicazione. Stante quindi che ai livelli politici alti si vuole arrivare alla fine naturale della legislatura, contro il palese verdetto del voto popolare, rimane però l’oggettivo problema di una non chiara o quanto meno esplicita visione di governo da parte delle forze di opposizione, a prescindere comunque dai loro conflitti interni. Abbandonato il PD al suo destino segnato dall’insanabile conflitto tra maggioranza e minoranza – che ha un comportamento non dissimile da quello dall’adolescente che contesta l’autorità genitoriale ma non ha il coraggio di abbandonarne la funzione protettiva – abbiamo un continuo ondivagare  dei rapporti tra Lega, Fratelli d’Italia, Ala, Forza Italia, che non si capisce dove possa condurre – al di là della mia insofferenza nei confronti di Salvini, Meloni, Verdini e Berlusconi, per quanto riconosca la fondatezza di alcune delle loro istanze. Guardo con interesse al M5S, che però non mi sembra abbia un programma di governo né un sicuro candidato premier. Anzi, a sentire Fico, il concetto di premier è superato, ed è necessario secondo lui pensare a una struttura di governo tipo rete, ma non si capisce in concreto cosa voglia dire. Direi quindi che, avatar o non avatar di Renzi, una pausa di sei/otto mesi libera da una competizione elettorale, di cui forse il paese è stanco e che avrebbe come unico scopo la conquista del potere senza un preciso programma di governo, darebbe il tempo alle forze politiche, maggioranza e opposizioni, di chiarirsi e, soprattutto, chiarirci le idee. Sono compiaciuto dell’evidente cupio dissolvi del PD di Renzi. Non solo infatti il buon Gentiloni è l’avatar del toscanaccio, ma tutta la compagine governativa; e se si voleva incoraggiare il fronte del no a consolidare la sua valenza politica in vista delle prossime elezioni non si poteva fare meglio. Suggerirei comunque a Gentiloni di integrare la sua formazione musicale – che, presumibilmente, è ferma all’educazione musicale di cui ha goduto alla Scuola Media – con la lettura di qualche trattatelo sulle prassi esecutive barocche. Nella trattatistica dell’epoca gli autori, dopo avere illustrato le regole delle varie prassi, concludono concordemente con l’affermare che l’ultima decisione – relativamente alla scelta esecutiva – deve essere dettata dal buon gusto, qualità che, evidentemente, manca al nostro, ma, debbo dire, anche al suo sponsor. D’altronde, manzonianamente parlando, Uno il gusto non se lo può dare. Leonardo Taschera

Posted in Citazioni | Tagged , , , , , | 4 Comments

Butterflying butterflies

E dunque gli Dèi non hanno litigato per chi avesse più diritto o privilegi a volare sulle mura di Troia, ma di una gran troiata hanno concordato, una tantum unanimi e senza ripicche, discordi simpatie e piccoli ricatti tra loro, l’annihilimento. Oltre ogni pessimistica aspettativa si è dimostrato che, se vuole, lo stivale si pulisce da sé, alla facciaccia delle facciacce  televisive e della stampa baciapile, che non si legge bacia-pail. Nel dì della vittoria, anzi nel dopo il dopo il dopodomani della vittoria, Pirro alle sue legioni disse di sicuro, Che dio ce la mandi buona. Per ora però, è stata talmente vittoria che la classe dominante, i nemici del popolo, eccoli che si affannano e s’adoprano a rimandare, prostergare, posdatare con un solo scopo, e lo chiamano istituzionale, di reinventare l’illegalità, stornare il paventato dubbio delle elezioni, tenere in sella a tutti i costi Mr. Bigbean e tutto il suo partito di bracaloni e imbriachi astemi. Ora devo dire che per il paese vincitore ma stanco varrebbe stare un po’ almeno senza governanti; men che meno istituzionali dacché l’unica figura istituzionale presente, sospetta in culla sospettabile agli altari, è di fatto il presidente repubblichino. Sennò, se proprio dobbiamo avere un governo, suggerisco di interrogare la disponibiltà pro tempore, del Papa in carica. Di là da alcune trascurabili prese di posizione su fatterelli marginali come i matrimoni sgaiati, nel discorso sociale e politico è la sua voce rassicurante come quella del Landini meccanico. Oppure si chieda a quest’ultimo di velocizzare al paese la corsa a, vadano come vadano, vere elezioni. Un papa val bene una messa.

Un accenno di riguardo merita la stampa di regime le cui quotidiane intramuscolo di consenso  alle masse in funzione del mantenimento dei loro padroni, sono risultate  scadute, o di nulla efficacia terapeutica. Io ricordo bene quando Repubica con l’Inscalfibile in ribalta appoggiarono, plaudirono a un losco figuro come De Mita-chi-era-costui lodandone il valore, la grandezza, la lungimiranza, quasi si trattasse di un Churchill e Roosvelt messi insieme, ma dal dottor Frankenstein. Ricordo bene quando Repubica era ed è e resta il quotidiano di chi se ne andava al cinema la sera con l’involto del giornalino  sotto braccio e l’urgenza di non perdere nemmeno una riga dell’oracolo, quale era ritenuto da chi doveva sentirsi almeno qualcosa non essendo niente, ma per lo più voleva arrivare o era arrivato o stava per arrivare. A bersi Milano. Quanto al suo competitore, il Coppiere della serva esso dimostra di essere anch’esso quello che è, il giornale di chi è stato arrivato da sempre, bipettoruto, esangue, a volte esanime, querulo, poltrone, un mistico dell’ordine che si ricostituisce in eterno come arabe fenici che vi sian ciascun lo dice dove sien ognuno il sa. Alla Scala; se ne sgrillettava un notevole sciame ieri. La stampa nel mio immaginario, somiglia in modo estremo al modello stabilito da Saramago in Saggio sulla lucidità, o più modestamente alla fabbrica di lacrimosi coccodrilli immaginata dal Tabucchi. Ebbene ai giornalieri, raccomanderei di tornare al munus per cui sono nati, dare notizia della zucca gigante, del nuovo parroco, dei cinemi in città e provincia, della squadra di calcio in sofferenza, del ladro che ingaggia un duello con i carabinieri ma è stato acciuffato. Della castagnata pro croce rossa in piazza. E sovra tutto un mare di pubblicità. Ecco tutto.

http://www.ilfattoquotidiano.it/2016/12/08/milano-la-scala-e-il-referendum-in-centro-il-si-ha-vinto-con-il-65-siamo-i-poteri-forti-e-il-voto-dei-ricchi-dato-al-pd/3245569/

Posted in Voce dal sen fuggita | Leave a comment