L’ElzeMìro di Martedì 21 Luglio

BAMANTIIn Gli amanti dei libri

21 Luglio – L’ElzeMìro – Animali in disordine alfabetico-Carnivori

http://www.gliamantideilibri.it/lelzemiro-animali-in-disordine-alfabetico-carnivori/

Con ciò l’Elzemìro si congeda e si prende le ferie, tornerà il 15 settembre, morbo permettendo. Cari saluti e siate prudenti, lettori, ha da passa’ più che ‘a nuttata. 

pasquale edgardo giuseppe d’ascola

BAMANTI

L’Elzemiro alla sua tastiera è come si sa illustrazione di Desideria Guicciardini. La direzione della rivista GLi amanti dei libri è sempre della dr.ssa Barbara Bottazzi. Grazie

 

Posted in l'Elzemìro | Tagged , , , , , | Leave a comment

Voice(s) of America 3a – H’s M.

the-room-of-flowers

The Room of Flowers, 1894 by  Childe Hassam (1859-1935)

 Harper’s Magazine

La lettera che riporto qui di seguito senza modifiche o commenti o lai e bai sterilmente indignati come ogni indignazione, è stata pubblicata su→Harper’s, il 7 luglio u.s. Chi volesse rimandarsi al suo commento e alla sua traduzione legga in→Il Post in https://www.ilpost.it/2020/07/09/lettera-harper-cancel-culture/. A chi sentisse il bisogno di riflessive allitterazioni e divertite polemiche suggerisco, per ridondanza, di spararsi L’impero del bene-Mimesis, L’empire du bien-Perrin, del da me compianto scrittore francese Philippe Muray, Inoltre segnalodi Philipp Roth Il complotto contro l’America-Einaudi, The plot against America-Vintage international. Questo lavoro è stato tradotto in cinema per una miniserie presto in onda per Sky. Altro dire non vo’. Ed è meglio così, sento per lo meno una voce (s)trillare nel deserto della rete. In calce alla lettera, i firmatari. Che la lettura vi sia lieve.

A Letter on Justice and Open Debate 

©Harper’s 2020

July 7, 2020

The below letter will be appearing in the Letters section of the magazine’s October issue. We welcome responses at letters@harpers.org

Our cultural institutions are facing a moment of trial. Powerful protests for racial and social justice are leading to overdue demands for police reform, along with wider calls for greater equality and inclusion across our society, not least in higher education, journalism, philanthropy, and the arts. But this needed reckoning has also intensified a new set of moral attitudes and political commitments that tend to weaken our norms of open debate and toleration of differences in favor of ideological conformity. As we applaud the first development, we also raise our voices against the second. The forces of illiberalism are gaining strength throughout the world and have a powerful ally in Donald Trump, who represents a real threat to democracy. But resistance must not be allowed to harden into its own brand of dogma or coercion—which right-wing demagogues are already exploiting. The democratic inclusion we want can be achieved only if we speak out against the intolerant climate that has set in on all sides.

The free exchange of information and ideas, the lifeblood of a liberal society, is daily becoming more constricted. While we have come to expect this on the radical right, censoriousness is also spreading more widely in our culture: an intolerance of opposing views, a vogue for public shaming and ostracism, and the tendency to dissolve complex policy issues in a blinding moral certainty. We uphold the value of robust and even caustic counter-speech from all quarters. But it is now all too common to hear calls for swift and severe retribution in response to perceived transgressions of speech and thought. More troubling still, institutional leaders, in a spirit of panicked damage control, are delivering hasty and disproportionate punishments instead of considered reforms. Editors are fired for running controversial pieces; books are withdrawn for alleged inauthenticity; journalists are barred from writing on certain topics; professors are investigated for quoting works of literature in class; a researcher is fired for circulating a peer-reviewed academic study; and the heads of organizations are ousted for what are sometimes just clumsy mistakes. Whatever the arguments around each particular incident, the result has been to steadily narrow the boundaries of what can be said without the threat of reprisal. We are already paying the price in greater risk aversion among writers, artists, and journalists who fear for their livelihoods if they depart from the consensus, or even lack sufficient zeal in agreement.

This stifling atmosphere will ultimately harm the most vital causes of our time. The restriction of debate, whether by a repressive government or an intolerant society, invariably hurts those who lack power and makes everyone less capable of democratic participation. The way to defeat bad ideas is by exposure, argument, and persuasion, not by trying to silence or wish them away. We refuse any false choice between justice and freedom, which cannot exist without each other. As writers we need a culture that leaves us room for experimentation, risk taking, and even mistakes. We need to preserve the possibility of good-faith disagreement without dire professional consequences. If we won’t defend the very thing on which our work depends, we shouldn’t expect the public or the state to defend it for us.

Elliot Ackerman

Saladin Ambar, Rutgers University

Martin Amis

Anne Applebaum

Marie Arana, author

Margaret Atwood

John Banville

Mia Bay, historian

Louis Begley, writer

Roger Berkowitz, Bard College

Paul Berman, writer

Sheri Berman, Barnard College

Reginald Dwayne Betts, poet

Neil Blair, agent

David W. Blight, Yale University

Jennifer Finney Boylan, author

David Bromwich

David Brooks, columnist

Ian Buruma, Bard College

Lea Carpenter

Noam Chomsky, MIT (emeritus)

Nicholas A. Christakis, Yale University

Roger Cohen, writer

Ambassador Frances D. Cook, ret.

Drucilla Cornell, Founder, uBuntu Project

Kamel Daoud

Meghan Daum, writer

Gerald Early, Washington University-St. Louis

Jeffrey Eugenides, writer

Dexter Filkins

Federico Finchelstein, The New School

Caitlin Flanagan

Richard T. Ford, Stanford Law School

Kmele Foster

David Frum, journalist

Francis Fukuyama, Stanford University

Atul Gawande, Harvard University

Todd Gitlin, Columbia University

Kim Ghattas

Malcolm Gladwell

Michelle Goldberg, columnist

Rebecca Goldstein, writer

Anthony Grafton, Princeton University

David Greenberg, Rutgers University

Linda Greenhouse

Rinne B. Groff, playwright

Sarah Haider, activist

Jonathan Haidt, NYU-Stern

Roya Hakakian, writer

Shadi Hamid, Brookings Institution

Jeet Heer, The Nation

Katie Herzog, podcast host

Susannah Heschel, Dartmouth College

Adam Hochschild, author

Arlie Russell Hochschild, author

Eva Hoffman, writer

Coleman Hughes, writer/Manhattan Institute

Hussein Ibish, Arab Gulf States Institute

Michael Ignatieff

Zaid Jilani, journalist

Bill T. Jones, New York Live Arts

Wendy Kaminer, writer

Matthew Karp, Princeton University

Garry Kasparov, Renew Democracy Initiative

Daniel Kehlmann, writer

Randall Kennedy

Khaled Khalifa, writer

Parag Khanna, author

Laura Kipnis, Northwestern University

Frances Kissling, Center for Health, Ethics, Social Policy

Enrique Krauze, historian

Anthony Kronman, Yale University

Joy Ladin, Yeshiva University

Nicholas Lemann, Columbia University

Mark Lilla, Columbia University

Susie Linfield, New York University

Damon Linker, writer

Dahlia Lithwick, Slate

Steven Lukes, New York University

John R. MacArthur, publisher, writer

Susan Madrak, writer

Phoebe Maltz Bovy, writer

Greil Marcus

Wynton Marsalis, Jazz at Lincoln Center

Kati Marton, author

Debra Mashek, scholar

Deirdre McCloskey, University of Illinois at Chicago

John McWhorter, Columbia University

Uday Mehta, City University of New York

Andrew Moravcsik, Princeton University

Yascha Mounk, Persuasion

Samuel Moyn, Yale University

Meera Nanda, writer and teacher

Cary Nelson, University of Illinois at Urbana-Champaign

Olivia Nuzzi, New York Magazine

Mark Oppenheimer, Yale University

Dael Orlandersmith, writer/performer

George Packer

Nell Irvin Painter, Princeton University (emerita)

Greg Pardlo, Rutgers University – Camden

Orlando Patterson, Harvard University

Steven Pinker, Harvard University

Letty Cottin Pogrebin

Katha Pollitt, writer

Claire Bond Potter, The New School

Taufiq Rahim

Zia Haider Rahman, writer

Jennifer Ratner-Rosenhagen, University of Wisconsin

Jonathan Rauch, Brookings Institution/The Atlantic

Neil Roberts, political theorist

Melvin Rogers, Brown University

Kat Rosenfield, writer

Loretta J. Ross, Smith College

J.K. Rowling

Salman Rushdie, New York University

Karim Sadjadpour, Carnegie Endowment

Daryl Michael Scott, Howard University

Diana Senechal, teacher and writer

Jennifer Senior, columnist

Judith Shulevitz, writer

Jesse Singal, journalist

Anne-Marie Slaughter

Andrew Solomon, writer

Deborah Solomon, critic and biographer

Allison Stanger, Middlebury College

Paul Starr, American Prospect/Princeton University

Wendell Steavenson, writer

Gloria Steinem, writer and activist

Nadine Strossen, New York Law School

Ronald S. Sullivan Jr., Harvard Law School

Kian Tajbakhsh, Columbia University

Zephyr Teachout, Fordham University

Cynthia Tucker, University of South Alabama

Adaner Usmani, Harvard University

Chloe Valdary

Helen Vendler, Harvard University

Judy B. Walzer

Michael Walzer

Eric K. Washington, historian

Caroline Weber, historian

Randi Weingarten, American Federation of Teachers

Bari Weiss

Sean Wilentz, Princeton University

Garry Wills

Thomas Chatterton Williams, writer

Robert F. Worth, journalist and author

Molly Worthen, University of North Carolina at Chapel Hill

Matthew Yglesias

Emily Yoffe, journalist

Cathy Young, journalist

Fareed Zakaria

8.-virtual-reality-2015-charcoal-graphite-on-paper-44-1800x1229-1

Virtual Reality, 2015 by Laurie Lipton (b. 1960)

Posted in Al-Taqwīm | Tagged , , , , , , , , , , , , , , | Leave a comment

Tutti tulli bulli trulli

Le tre sorelle Leschan erano figlie di August Alexander (1877-1945), acrobata trapezista ungherese nato nel 1877 a Budapest e di Eva de Leeuwe (1892-1984), cantante d’operetta, ebrea olandese, nata ad Amsterdam. Lescano.

Ciascuno potrà ficcare il naso in Wikipedia per sapere tutto e di più sul trio Lescano di cui la premessa antiletteraria che conta poco assai col il resto che vado scrivere e che, avverto le anime belle, è scorretto nel più profondo, ciao.

Bon, ricordo bene assai un mio caro e bravissimo allievo di tanti anni fa, gran musico, voce di velluto con più suono alla → Romero, da → Figaro e Belcore, intelligentissimo, meridionale va sans dire, colto e belloccio, alto e snello, attore nato, un Romolo Valli, gran seduttore ma fedele; ogni tanto veniva a lezione col suo moroso, un acciuga cortese, bellino anche quest’ultimo. Insomma un giorno, chiacchierando chiacchierando quello mi confessò, Vedi Pasquale – con i miei allievi bravi sempre il Tu; gli altri Maestro maestro, gnè gnè gnè e non combinavano nada; i russi implacabili T34, Voi Vedi Pasquale io ci sono in mezzo e mi destreggio ma sai l’ambiente delle checche è terribile, sono cattive, ridono di tutto, scherzano, beviamo qualcosa, determinate a essere superficiali e ti assassinano per un paio di orecchini. L’ambiente delle checche, me l’ho condiviso, solo in palcoscenico dato il mio antico mestiere teantrale, che era un circo di deliranti, egocentrici e palloni gonfiati tra i quali c’ero anch’io come diverso moderato tra i diversi, checche o non checche. Gay, come dicono i leghisti che dicono così e pensano culattone, a quel tempo era solo il cognome di un autore inglese →John Gay (1685-1732) noto per aver scritto la bellissima → Beggar’s Opera, più conosciuta nella parafrasi di → Brecht, → Opera da tre soldi.  Finocchie o  cule o donne tout court erano le altre definizioni del genere incerto e leggiadro e infine c’era la velata, ovvero una checca che vivesse in clandestinità con mogli e figli e mantenesse riserbo assoluto su di sé oltre che sul suo vero amore masculillo. Circa le lesbiche, semplicemente le checche non le consideravano omosessuali ma a Thing, delle birichine, altre; oggi ho appreso che si dice leccaciuffe. Per tutto questo sono passato indifferente a tutto, nonostante l’ampio numero di avances ricevute, le più le meno sfacciate e sconvenienti ma che, dopotutto, ho sempre considerato un elogio, mazzi di fiori, rose naturalmente, di quelle più spinose. Piacevo lo so, dopotutto conforta, anche l’etero ha un volto umano. Bon a un certo punto della mia carriera mi capita di essere chiamato in Olanda, a Dordrecht per la precisione, dove un gruppo di notabili politici locali, con il concorso di manovalanza musicale tutta italiana – ché lori i cantava tutto suoni fissi, niente armonici, non sapevano le prassi esecutiva italiane e se è per questo nemmeno il resto dell’opera – ‘sto gruppo insomma si inventa un festival e scuola estiva di opera italiana; estiva cioè turistica per far quattrini con birra, salsicce e creme solari, vabbè. Mi assegnano Attila, opera non bellissima ma che so a memoria. Mi danno appuntamento per illustrare il progetto di regia. Quest’ultima è operazione cara all’estero e adesso credo anche in Italia; in sintesi tu dovresti spiegare come allestirai l’opera, la tua filosofia, insomma devi vendere il prodotto arrampicandoti sui vetri insaponati per una direzione artistica ignorante; ma oggi è facile basta introdurre carri attrezzi, cazzi che sbuffano vapore acqueo, pizze, stantuffi e peperoni, le immancabili divise di tutti i reich o  l’epilessia e le mutande, Emma Dante’s way, mai nome fu meno adatto ad essere duplicato. Ai miei tempi i progetti di regia, figurati, ne chiacchieravo col dirart al telefono, in trattoria, intorno al tè col direttore d’orchestra, per sapere anzi da coloro le linee di forza dell’opera. ( Ricordo una giornata magnifica a Salsomaggiore, tra vini e delikatessen con Gianandrea Gavazzeni a parlare di letteratura e pittura prima di una donizzettata, io piccino, lui grandissimo) Per imparare. Idea di regia, figurati. Vedremo con la compagnia. Poi alle prove andavo, allora, con tutto lo spartito segnato come uno story board ma poi in palcoscenico per la maggior parte delle volte di quel che avevo scritto, serbata una traccia a memoria, in quella la cancellavo. La regia la facevano l’occasione, il palcoscenico, le persone, le attrazioni fatali che si creavano tra tecnici, cantanti e collaboratori. L’insieme. A Catania, al Bellini,  prima che intervenissero direzioni artistiche moderne, ci si appassionava tantissimo nel lavoro del teatro che è solo di artigianato. Vabbè, ma all’estero occorre pianificare, giustificare, spiegarci tutto a lori, vogliono il → mock-up del prodotto e il mock-up della confezione, sapere di tutto il perché soprattutto il perché, immaginazione nada; sembra un luogo comune ma è così comune da essere l’abitudine di ogni luogo. Vabbè. Filo a Dordrecht con una borsa di documenti, liste, disegni, pro memoria, citazioni di Spinoza, e in senso letterale, mi trovo di fronte a una commissione d’inchiesta, loro da una parte di un tavolo oblungo, io di qua da solo; manca il microfono al centro della tavola, poi sembra un affare Hoover; mi pare dieci persone con l’unico che ci si intende al volo, il capo tecnico, dieci minuti e non c’è altro da dire. Con gli altri, gli esteti, i filofosfori del teatro di cui tutto ignorano, la direzione artistica cioè, una mattina e mezzo pomeriggio secco. Io parlo, loro mi guardano, accenno un sorriso alle signore, loro come se avessi sciorinato un enorme cazzo latino sul tavolo, ma non è cupidigia, è orrore; secondo me mi correggevano mentalmente anche gli errori di inglese, benché fossi fresco di intensivo allo Shenker che ne facessi ovvio, parlare senza il bene di un interlocuzione con delle mattonelle di ghiaccio sintetico è roba che sudi e ti viene il torcicollo, e poi appunto si sente la cattiveria, il malanimo, la cattiva disposizione. Mai successo altrove né altrimenti. Dopo una settimana di silenzio tuttavia per caso un telegramma di via libera. Vabbè, mi metto a lavorare, ma devo mandare esecutivi di costumi e tutto perché non ho né scenografo né costumista. Passa un mesetto e calano in Italia in sette, con una sarta e un’altra che mi dicono sarebbe stata la mia assistente, simpatica come una ringhiera. Li accolgo in casa con dovizia di tartine e caffè e tè. La sarta porta  un costume già pronto; scandaloso; da non darle da fare un orlo ai pantaloni; non conosce l’arte, ha sbagliato tessuto e non sa che un costume non è un copricostume per turiste a Rimini. Spiego però, pare abbiano capito, e dopo avere divorato le tartine ciao ciao. Sorrisi mare del Nord. Passa di preciso un mese durante il quale mi concerto solo col capo tecnico per le prove e via discorrendo. Tutto sembra ok, ma dalla direzione silenzio. Contratto nix. Un mio collega che già lavora con loro, un italiano of course, mi chiede quando arriverò, manca poco all’inizio delle prove, si preoccupa. Poi però, dopo tanto silenzio è lui a chiamarmi, voce ammainata dall’occasione, sono stato silurato. La direzione ha deciso di sostituirmi con la mia prevista assistente, die Fliegende Holländerin, chissà che non faccia parte di un qualche comitato di metooers; scoprirò che per lei Attila è un mafioso in coppola e pistola sotto l’ascella, Odabella in giarrettiere, Ezio con lobbia da avvocato di Manhattan, Foresto col coltello. Ma, mi diranno, allo spettacolo gli olandesi ridono, con gusto, la musica di Verdi è un trascurabile impiccio. Appunto come a uno spettacolo di ruttE – femminile plurale di rutta – della Dante. 

Per caso, ché a leggere apposta non se ne trae nessun giovamento anzi il contrario, ho letto che l’Olanda insiste nel mettersi di traverso a qualsiasi accordo economico europeo. Si sa che a far così difendono le loro rendite di posizione e quel gusto nazista che hanno i popoli del Nord nel trattare i Sudici, ora che han fatto i soldi, perduto l’antico impero imposto a fil di spada come tutti gli imperi; al tempo del Polesine erano calati in Italia a dare una mano, era dopo la guerra e campavano di Piano Marshall come tutti e come tutti avevano le pezze al culo; ora che hanno i soldi gli è rimasto il culo. Poi il signor Conte è terrone. Stante però le cose così non si capisce perché il manipolo d’eroi autonominati frugali non se ne van dall’Europa, se la fan da sé, portandosi adietro anche gli stati con il neo fascista come l’Hongria e la Polacchia che con l’Europa ormai non si sa che cosa accucchia. Non dimenticar le mie parole.

 

Posted in Al-Taqwīm | Tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 2 Comments

Unione degli atei e degli agnostici razionalisti – U.A.R.R.

Unknown

©Walt Disney in https://www.lospaziobianco.it/disney-propaganda-antinazista/

Segnalo che oggi per mail ho ricevuto e letto con ira  l’invito a partecipare a un dibattito cristiano-sociale qui al paesello del Manzoni. La faccenda ha lo scopo di far girare il nome del candidato di sinist-dest sinist-dest passooo, PD ah ah, caro alle congreghe cattoliche – uniche amenità di Lecco a prescindere dai monti sorgenti e dal lago che meriterebbe silenzio e pulizia e dal filo di ferro – e il cui talento o competenza amministrativa certificata – la sola virtù che dovrebbe avere un sindaco fosse politico politico e non prestato e scelto tra i dilettanti – è quella di imprenditore o una cosa simile. Con che faccia costui (cercare la foto di copertina in rete) si presenti a discutere di, cito alla lettera dalla mail, Patto per la comunità educante, quando dovrebbe rappresentare lo Stato e dunque la sua scuola, non le associazioni e le scuole private, boh, mica lo so. Nessun patto, putto pitto. L’altro candidiasitato è un fascista, non vedo come chiamare uno che si presenta per FDI e Lega, in ordine analfabetico, e presidente della Confcommercio oltre che del CAI Lecco. Tapim tapum, altro dilettante e con che faccia si sa (cercare la foto di copertina in rete). Così è il caso  di dire amen, omen, imen.

Quindi pubblico qui, per sorridere un po’ tra simili e per gentile concessione, l’articolo fresco fresco di Raffaele Carcano dellaU.A.R.R. cui sono iscritto con non poco gusto.  È una copia integrale del testo originale, inclusi i link di rimando, cui ho cambiato l’impagino e il carattere(font) cui ho ridotto il corpo da 18 a 12. Nessun altro intervento di modifica. Ah sì, ho levato dall’originale la foto di gruppo con Signore. Chi non si fida clic-clic qui sotto 

La chiesa è naturalmente di destra.

Da una parte la popolarità del papa, dall’altra l’avanzata elettorale dei populisti. Due fenomeni che hanno caratterizzato gli ultimi anni, due fenomeni che possono sembrare in contraddizione. I più accesi sostenitori di Bergoglio sembrano però aver già trasformato l’apparente contraddizione in una contrapposizione frontale, una polarizzazione nettissima.

Lo si nota molto bene in due libri recentemente pubblicati, scritti da giornalisti. Quello di Iacopo Scaramuzzi ha individuato nel papa “l’antidoto” al virus dei populisti di destra: rapidissimi, a suo dire, a sbandierare la loro appartenenza religiosa, ma con modi che finiscono per abusare della fede autentica. Riccardo Cristiano, già coordinatore dell’informazione religiosa di Radio Rai (e pertanto corresponsabile della sua totalitaria occupazione cattolica), è andato persino oltre. Il suo è un aut-aut dal sapore rivoluzionario: Bergoglio o barbarie.

Ma un papa non può certo abbassarsi a presentarsi alle elezioni

Ma un papa non può certo abbassarsi a presentarsi alle elezioni. Di candidati che rivendicano la bontà delle sue indicazioni politiche ce ne sono già stati parecchi, ma i consensi raccolti sono stati  molti meno. È una constatazione che possiamo cogliere nella presentazione di un terzo libro (ancora in via di pubblicazione) scritto da un esponente del Pd lombardo, Fabio Pizzul: Perché la politica non ha più bisogno dei cattolici. Caspita: quale sarà mai, allora, la fede di Salvini, Meloni, Berlusconi, Renzi, Mattarella e Di Maio?

Pizzul lamenta che «oggi neppure Aldo Moro batterebbe Salvini». E qui si capisce che in realtà non considera Salvini un ‘vero’ politico cattolico quanto lo si ritiene lui. Che poi, a ben vedere, a Palazzo Chigi c’è un uomo che somiglia non poco allo statista Dc: Giuseppe Conte è infatti un giurista pugliese e un devoto cattolico. E se Moro è passato alla storia (anche) per le convergenze parallele e il compromesso storico, Conte può vantarsi di essere l’unico premier confermato nell’incarico dopo un ribaltone. Tra l’altro, secondo i sondaggi piace molto più di Salvini. Non sempre però i sondaggi sul gradimento dei politici (e dei papi) sono significativi, perché i voti raccolti nelle urne sono spesso assai inferiori. La realtà con cui dobbiamo fare i conti è che la destra cristianista governa già tante nazioni: Trump, Putin, Bolsonaro e Orban sono lì a ricordarcelo. E a ricordarci che l’alleanza tra la destra e il cristianesimo non è un’eccezione: è la regola.

Il Gesù “socialista” era infatti soltanto un mito propagandistico di fine ottocento. Due millenni di storia cristiana ci mostrano invece che le chiese sono quasi sempre state al fianco del potere, spontaneamente, perché proprio al potere dovevano e devono il loro ruolo predominante. Non a caso si sono opposte al potere soltanto quando il potere ha cercato di limitare la loro influenza. Non certo quando il potere era colonialista, schiavista, liberticida.

Destra e sinistra sono schieramenti nati con la rivoluzione francese, che aveva esautorato il ruolo politico del clero e dell’aristocrazia. All’assemblea nazionale i conservatori si collocarono a destra, i radicali dalla parte opposta: e così si usa fare ancora oggi. A destra si è più sensibili ai poteri economici, all’ordine pubblico, alla nazione, alla tradizione, alle differenze sociali, al privato. A sinistra si è più sensibili ai diritti dei lavoratori, all’uguaglianza, alla redistribuzione dei redditi, al pubblico. Negli ultimi due secoli, ogni paese e ogni epoca hanno rimodulato questi concetti, ma il nucleo centrale è rimasto ed è comprensibile pressoché da chiunque, pressoché ovunque.Sillabo

Come si schierò la chiesa cattolica, una volta che era nata questa (reale) contrapposizione? Le fu subito naturale schierarsi con gli esponenti più a destra della destra. Per rendersene conto basta rileggersi il Sillabo del beato Pio IX: è un autentico manifesto politico di estrema destra – estrema anche per quei tempi.

I partiti cristiani votarono la nascita dei governi guidati da Mussolini e Hitler

Il risultato fu che persino le élite borghesi divennero largamente anticlericali. La crescita dei movimenti socialisti, comunisti e anarchici spinse a un’alleanza tattica i cattolici e i liberali, ma durò però poco. I partiti cristiani votarono la nascita dei governi guidati da Mussolini e Hitler, e la chiesa non trovò nulla da ridire nemmeno quando, molto presto, si trasformarono in autentiche dittature – con cui stipulò concordati molto vantaggiosi. Ancora peggio, sostenne con malcelato entusiasmo la nascita di altre dittature programmaticamente clerico-fasciste: il salazarismo portoghese, il franchismo spagnolo, il regime ustascia nella Croazia del beato Stepinac, la Francia di Vichy, la Slovacchia guidata da monsignor Tiso. Fin quasi alla fine della seconda guerra mondiale, l’opzione preferenziale del venerabile Pio XII fu a ricerca di un accordo tra gli alleati occidentali e la Germania nazista. Non scomunicò mai Hitler: finito il conflitto, scomunicò invece i comunisti. Tutti.

Il dopoguerra italiano fu lungamente dominato dalla Democrazia Cristiana, un partito apertamente sostenuto dal Vaticano che amava presentarsi come una forza di centro. A un certo punto fu costretta ad accettare un’alleanza col partito socialista: ma accadde soltanto dopo il fallimento del governo Tambroni, un monocolore Dc che godeva dell’appoggio esterno dell’Msi di Michelini e Almirante. Anche il lungo pontificato di san Paolo VI, da un punto di vista politico, ben difficilmente può essere considerato progressista: non possiamo facilmente dimenticare le durissime condanne, tuttora vigenti, contro la contraccezione e l’aborto, e la battaglia referendaria combattuta per abrogare la legge sul divorzio. Un grande impegno, il suo, che stride con l’assordante silenzio nei confronti delle dittature clerico-fasciste, vecchie e nuove che fossero. Nei decenni successivi, caratterizzati dalla lunga stagione di Wojtyla e Ruini prima, da quella di Ratzinger e Bagnasco poi, lo sbilanciamento a destra è stato indiscutibile.

La destra si rifà all’identità cattolica molto più esplicitamente di quanto facesse l’Msi

Se oggi qualcosa sembra cambiato è soltanto perché la destra si rifà all’identità cattolica molto più esplicitamente di quanto facesse l’Msi. In particolare, richiama in continuazione il cattolicesimo più popolare, quello fatto quasi esclusivamente di riti, precetti, simboli, tradizioni e devozioni, che è sempre stato più sentito dai fedeli e che continua a esserlo tra le fasce più anziane, meno colte e meno moderne della popolazione. Vi sono dunque cattolici anti laici e identitaristi che si riconoscono in politici anti laici e identitaristi, e li votano: dove sarebbero la novità e la sorpresa? Nel fatto che i politici non sono così fedeli come si dipingono? Ma a questi elettori non importa proprio nulla! A riprova, un recente sondaggio Usa ha confermato che gli evangelicals e i cattolici bianchi continuano a voler votare Trump pur consapevoli che non è esattamente un modello di buon cristiano. Ma agisce come piace loro, e tanto basta. Perché mai dovrebbero votare chi non lo fa?

Non dimentichiamo che il massiccio uso politico delle madonne pellegrine fu determinante nella vittoria elettorale democristiana del 1948, e che il primo a ricorrere a piene mani alla retorica delle radici cristiane è stato proprio san Giovanni Paolo II. Vogliamo poi andare a fare pelo e contropelo su quanto sinceri siano stati Costantino, Clodoveo e tutti gli altri grandi regnanti convertiti? Se i populisti attuali devono essere considerati ipocriti, allora va considerata ipocrita l’intera storia politico-religiosa del cristianesimo.

Se sembra sussistere una contrapposizione con la narrativa bergogliana, dunque, non è perché il papa (che in gioventù fu peronista) ritiene che i populisti vendano merce diversa, o avariata. Il papa si arrabbia perché i populisti di destra vendono la sua merce senza riconoscergli il copyright, usando per di più aggressive strategie commerciali che funzionano efficacemente su buona parte del suo mercato. Se i populisti sono liberi di dichiarare esplicitamente la loro appartenenza politica, Bergoglio è invece costretto a tenere in considerazione che una parte della sua chiesa (minoritaria, ma più attiva, soprattutto nel mondo del volontariato) la pensa in modo politicamente differente, e deve quindi trasmettere un messaggio più sfumato. Inoltre, poiché si rivolge al mondo intero, deve anche cercare di accreditarsi come un leader morale (e a questo fine sono molto funzionali le campagne pauperiste). È una preoccupazione che non sfiora minimamente i populisti, perché è loro sufficiente evocare vagamente qualunque comportamento sia ritenuto tradizionale – e quindi eterno e immutabile. Tra l’altro, è un’impostazione che piace anche a molti “cattolici non praticanti”: che rappresentano un terzo della popolazione italiana, oggi.

Può dunque essere comprensibile che, per reazione, lo storytelling bergogliano abbia attecchito su parte della sinistra

Può dunque essere comprensibile che, per reazione, lo storytelling bergogliano abbia attecchito su parte della sinistra e della galassia liberale. Non era però immaginabile che si arrivasse a sorvolare con non chalance sulla beatificazione di oltre 500 “martiri” franchisti o sull’accordo Caritas-Porsche. O su quanto accade in un paese simile al nostro, in cui vescovi e autorità sovraniste hanno proclamato insieme Cristo “re della Polonia”, mentre istituiscono intere zone lgbt-free e tentano a ripetizione di negare il diritto all’aborto. Nell’inerzia complice della Santa sede.

In fondo, per capire come stanno le cose dovrebbe essere sufficiente osservare con onestà la realtà che si presenta sotto i nostri occhi, nel nostro stesso paese. Dove, come negli anni sessanta, una chiesa che vuole darsi un’immagine di centrosinistra avvia iniziative che vanno nella direzione opposta. C’è solo l’imbarazzo della scelta: dai Family Day organizzati contro una moderatissima legge per il riconoscimento delle unioni civili alla guerra indetta contro una proposta di legge anti-omofobia; dalla battaglia per la riapertura delle chiese (prima di qualunque altra riapertura) alle continue ed esose richieste economiche per le scuole del più grande proprietario immobiliare mondiale. A proposito: un’ulteriore stanziamento di 150 milioni è stato appena approvato grazie a un emendamento presentato dalla Lega. Criticarla è come minimo da ingrati.

Ma se vogliamo la prova del nove delle tendenze politiche del cattolicesimo reale, basta studiare come è governato lo stato della Città del Vaticano, il cui sovrano assoluto (e assolutista) è lo stesso papa Francesco. Scopriremo che vige una legge sulla cittadinanza tra le più restrittive al mondo, e che i diritti dei lavoratori lasciano il tempo che trovano. La sinistra è pronta a riproporre, tali e quali,questi provvedimenti in Italia? Non credo.E la destra? Le possibilità sono molto maggiori.

Bergoglio piace (per quanto un po’ meno che all’inizio) ma non converte

Per fortuna c’è un terzo fenomeno, che desta decisamente meno attenzione mediatica ma che è molto meglio attestato: la continua avanzata della secolarizzazione. Bergoglio piace (per quanto un po’ meno che all’inizio) ma non converte, anzi. Meloni e Salvini godono di ampi consensi elettorali, ma non arrivano ancora al 50% dei votanti (e men che meno degli elettori). In compenso, la pratica religiosa declina e un italiano su due, per restare all’inchiesta più recente, non ha pregato nemmeno una volta durante la pandemia: ce lo fa sapere, autorevolmente, il rapporto annuale dell’Istat. Come questo si possa tradurre in una leadership politica laica è tema su cui dovremmo seriamente riflettere, ma è una premessa importante per costruire un paese migliore.

La fede non si basa sulle prove. I suoi esponenti progressisti, a quanto sembra, nemmeno. Liberi tutti di credere ciò che si vuole, filosoficamente e politicamente. Liberi anche di lavorare per una politica sempre più clericale anziché per forze politiche laiche, a destra,al centro e a sinistra. Libera pure la chiesa di cambiare rotta nella sua storia bimillenaria – purché il cambiamento sia reale, e non una contingente necessità di marketing. Il cattolicesimo è indubbiamente un fenomeno plurale, e sono esistiti movimenti notevoli come i “Cristiani per il socialismo” e la teologia della liberazione. I vertici ecclesiastici non li hanno però mai degnati della minima considerazione, e talvolta hanno pure messo loro la mordacchia.

Evidenze alla mano, la chiesa è naturalmente, storicamente, strutturalmente di destra.

Raffaele Carcano

Posted in Al-Taqwīm | Tagged , , , , , , , , , , , , , , | Leave a comment

Voice(s) of America 2a

the-room-of-flowers

The Room of Flowers, 1894 by → Childe Hassam (1859-1935)

Non v’è alcun merito-detto Zen

I am only picking up here and there some samples of great American literature. Splendid, in my opinion, which is the only I have, amid the possible ones. Questo è solo un esercizio che forse continuerò, o forse no. Esercizio nel proporre, esercizio per me nel pretendere di tradurre, tradendo di necessità a favore di chi meno di me conosce l’inglese e le sue infinite articolazioni; del resto per tradire occorre essere per lo meno in due, ed essere d’accordo. Ogni linguaggio è un argot, a pensarci bene, o è solo lingua e c’è chi scrive attingendo a un catalogo di nomi; c’è chi scrive a vocabolario. La differenza è all’incirca la stessa che corre tra  menù fisso e  alla carta. Basta così, in questi giorni tristi e grevi, tutto mi pare troppo. Ecco qui una →elegia, bellissima parola per dire qualcosa che in sostanza si costituisce di non detto e attinge al canto. La differenza è musica. Ci torneremo. 

→ Anne Sexton(1928-1974)

Elegy In The Classroom

In the thin classroom, where your face

was noble and your words were all things,

I find this boily creature in your place;

 

find you disarranged, squatting on the window sill,

irrefutably placed up there,

like a hunk of some big frog

watching us through the V

of your woolen legs.

 

Even so, I must admire your skill.

You are so gracefully insane.

We fidget in our plain chairs

and pretend to catalogue

our facts for your burly sorcery

 

or ignore your fat blind eyes

or the prince you ate yesterday

who was wise, wise, wise.

 

Nell’esile aula, dov’era nobile
il tuo sguardo e le tue parole architettura,
trovo al tuo posto questa sverzata creatura;

 

sbandata, sul davanzale della finestra,
irrefutabilmente appollaiata lassù,
enorme massa di una qualche rana
che ci guarda dalla Vu
delle sue gambe di lana.

 

Anche così, devo ammirare il tuo stile.
Così pieno di una grazia insana.
Noi agitate sulle nostre seggioline
ostinate nel catalogare
fatti privati per il tuo gagliardo incanto

 

o ignorare i tuoi occhi grevi e ciechi 
o il principe che hai mangiato ieri
ch’era sagace, sagace, sagace.

8.-virtual-reality-2015-charcoal-graphite-on-paper-44-1800x1229-1

Virtual Reality, 2015 by →Laurie Lipton (b. 1960)

Posted in Al-Taqwīm | Tagged , , , , , , , , , , , | Leave a comment

L’ElzeMìro di Martedì 7 Luglio

 

BAMANTIIn Gli amanti dei libri

7 Luglio – L’ElzeMìro – Animali in disordine alfabetico-Asini

http://www.gliamantideilibri.it/?s=asini

 

BAMANTI

L’Elzemiro alla sua tastiera è come si sa illustrazione di Desideria Guicciardini. La direzione della rivista Gli amanti dei libri è sempre della dr.ssa Barbara Bottazzi. Grazie

 

Posted in l'Elzemìro | Tagged , , , , , , , | Leave a comment

Voice(s) of America

the-room-of-flowers

The Room of Flowers, 1894 by Childe Hassam (1859-1935)

 

Non v’è alcun merito-detto Zen

Ognuno le prenda come vuole. Traduca come meglio o peggio crede.  Le mia voce giusto per…

Emily Dickinson(1830-1886)

A sepal, petal, and a thorn

A sepal, petal, and a thorn

Upon a common summer’s morn —

A flask of Dew — A Bee or two —

A Breeze — a caper in the trees —

And I’m a Rose!

Un sepalo, petalo, una spina/ D’estate, in una comunissima mattina — /Di rugiada una fischettina — Un’ape forse due — /Una brezza — un frullar di fronde — /E sono Io una rosa!

Some keep the Sabbath going to Church

Some keep the Sabbath going to Church —
I keep it, staying at Home —
With a Bobolink for a Chorister —
And an Orchard, for a Dome —

Some keep the Sabbath in Surplice —
I just wear my Wings —
And instead of tolling the Bell, for Church,
Our little Sexton — sings.

God preaches, a noted Clergyman —
And the sermon is never long,
So instead of getting to Heaven, at last —
I’m going, all along.

Qualcuno impiega il Sabato andando in Chiesa — /Io stando a casa — / Un usignolo per corista — Una pergola per duomo — / Qualcuno s’impiega al Sabato sotto la gabbana — Io indosso giusto le mie ali — E invece di suonare la campana, per la chiesa,/ il nostro sagrestano piccolino — canta/ Prega Dio un prete di gran fama— Va mai per le lunghe il suo sermone,/ Sicché invece di conquistarmi il Paradiso, alfine — Io vado, vado in continuazione. 

8.-virtual-reality-2015-charcoal-graphite-on-paper-44-1800x1229-1

Virtual Reality, 2015 by Laurie Lipton (b. 1960)

Posted in Al-Taqwīm | Tagged , , , , , , , , , , | Leave a comment

Stupidi o cretini

1vf9zt_4qaut_2340x1316 

A Short History of Modern Painting, 1982 – Mark Tansey ( 1949)

È con gran divertimento che pubblico il titolo che accompagna la notizia di  questa pirlata, coglionata, bischerata, cazzata, fesseria, minchionata, belinata, minchiata or ora giunta sull’ali segrete di Internet al mio indirizzo. Mi spiace per le pari opportunità che l’intero repertorio di epiteti negativi circa il granusalis sia riferito al masculo muscolo, mancando un termine che esprima la coglioneria al femminile; non mi pare che esista vulvata; figata è detto di solito per dire che bello, clitoriderìa sarebbe difficile da pronunciare, benché a quelli della mia generazione di universitari sia noto il motto, la lingua batte dove il clìto rìde; non so se fesseria si riferisca alla fessa, che sta per vulva appunto. Bon, Oréal. Non fosse che la pubblicità fa uso autorizzato della stupidità, bisognerebbe che l’intero gruppo dirigente Oréal venisse punito, e costretto a vedere a loop tutti i film di Totò previo corso rapido di vernacolo parte nopèo e parte napoletano, almeno un po’. Eziandio. No dico, per avere queste trovate e non perdersele questa gente guadagna come un bracciante in Puglia non riuscirebbe in trent’anni. Li pagano. È  da schiantarsi dal ridere. È. Ovvio che prima o poi dire stupido e cretino verrà sanzionato. Il vocabolario Treccani a stampa ha già provveduto a depennare poverette, molte parole considerate desuete. Se intelligenza e intelligente faranno la stessa fine, è domanda non risposta ancora. Questione di tempo. O di tampax.

L’Oréal supprime les mots «blanc», «blanchissant» et «clair» de ses produits

Cette décision intervient dans un contexte mondial de manifestations anti-racistes.

Par Le Figaro avec AFP
L'Oréal vient à s'ajouter à la liste des entreprises qui transforme leur stratégie marketing
Posted in Al-Taqwīm | Tagged , , , , , , , , , , , , , , , | 4 Comments

L’ElzeMìro di Martedì 23 Giugno

BAMANTI

In Gli amanti dei libri

23 giugno – L’ElzeMìro – Animali in disordine alfabetico-Gatti

http://www.gliamantideilibri.it/?p=74216

***

Tanti saluti

pasquale edgardo giuseppe d’ascola

BAMANTI

L’Elzemiro alla sua tastiera è come si sa illustrazione di Desideria Guicciardini. La direzione della rivista GLi amanti dei libri è sempre della dr.ssa Barbara Bottazzi. Grazie

 

Posted in l'Elzemìro | Tagged , , , , | 4 Comments

L’ElzeMìro di Martedì 9 Giugno

BAMANTI

In Gli amanti dei libri

L’ElzeMìro – 9 giugno

Idillio toscano-La bimba che mangiava le rose – Fine

http://www.gliamantideilibri.it/?p=74174

***

Tanti saluti e fiori

pasquale edgardo giuseppe d’ascola

BAMANTI

L’Elzemiro alla sua tastiera è come si sa illustrazione di Desideria Guicciardini. La direzione della rivista GLi amanti dei libri è sempre della dr.ssa Barbara Bottazzi. Grazie

Posted in l'Elzemìro | Tagged , , , , , , , | Leave a comment